Bonus 110 prorogato: ecco con quali novità resta valido nel 2022 e 2023

In Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto che assegna le risorse per la proroga del bonus 110

di , pubblicato il
Proroga Superbonus 110%: come, quando e perché si rende davvero necessaria

E’ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze che assegna le risorse economiche anche ai fini del bonus 110 in proroga per il 2022. La proroga per il 2023 dovrebbe invece rientrare nella prossima Legge di bilancio.

Superbonus: arriva la conferma per le proroghe già in essere

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale GU Serie Generale n.229 del 24-09-2021 del decreto “Assegnazione delle risorse finanziarie previste per l’attuazione degli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e ripartizione di traguardi e obiettivi per scadenze semestrali di rendicontazione”, sono definitivamente assegnate le risorse finanziarie da destinare alla proroga del superbonus, bonus 110 in proroga.

Sono così confermate i nuovi termini di operatività del bonus 110 ossia le scadenze già previste dal D.L. 59/2021:

  • per gli interventi effettuati sulle parti comuni condominiali, il superbonus 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022;
  • per quelli  effettuati sulle parti comuni degli edifici composti da due a quattro unità immobiliari di un unico proprietario o in comproprietà, la proroga al 31 dicembre 2022 si applica a condizione che alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell’intervento complessivo;
  • ai lavori gli edifici unifamiliari il superbonus 110% si applica fino al 30 giugno 2022.

Restano ferme le ulteriori disposizioni previste per gli IACP.

Bonus 110 prorogato: ecco con quali novità resta valido nel 2022 e 2023

La proroga al 2023 dovrebbe arrivare con la prossima Legge di bilancio.

Cerchiamo di capire cosa potrebbe cambiare. Innanzitutto, una novità potrebbe riguardare gli edifici ammessi al bonus 110 in proroga. Infatti, potrebbero essere ammesse al bonus 110 anche le strutture alberghiere e le strutture ricettive in generale.

L’apertura dovrebbe riguardare anche gli immobili di impresa. Ma su questo punto meglio essere prudenti. Considerata la difficoltà di reperire nuove e ulteriori risorse economiche da destinare al superbonus. Altri cambiamenti dovrebbero riguardare i lavori sulle pertinenze non riscaldate. Il bonus 110 in proroga potrebbe essere esteso anche alle spese sostenute per la coibentazione dei locali non riscaldati. Fermo restando che l’immobile principale per il quale di richiede il 110% deve essere dotato di impianto di riscaldamento. Ciò che è certo è che il primo passaggio per il bonus 110 deve essere quello della proroga per tutto il 2023. La crescente richiesta di materiali necessari all’effettuazione dei lavori, sta comportando un allungamento dei tempi di consegna. In alcuni casi, ad esempio, per le caldaie si arriva a sei mesi di attesa.

Difatti, la proroga è necessaria. Soprattutto per evitare di vedere cantieri completati solo a metà.

Argomenti: ,