Bollo auto targhe straniere: nuove regole per immatricolazione e multe

Giro di vite sui furbetti delle targhe straniere: nuove regole in arrivo per immatricolazioni auto, bollo e multe

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Giro di vite sui furbetti delle targhe straniere: nuove regole in arrivo per immatricolazioni auto, bollo e multe

A breve non sarà più possibile immatricolare all’estero le auto per apporre targhe straniere al solo scopo di evitare multe o pagamento del bollo. Il governo sta infatti approvando un ddl che rende la vita dura ai furbetti delle immatricolazioni prevedendo sanzioni gravi fino al ritiro della carta di circolazione o del mezzo.

Bollo auto e targhe straniere: come cambia il Codice della Strada

Come riuscirà il governo ad evitare l’immatricolazione di auto con targhe straniere per frodi fiscali? L’articolo 132-bis stabilirà che chiunque, residente anagraficamente in Italia, circola nel territorio nazionale alla guida di veicoli immatricolati (in via provvisoria o definitiva) in uno Stato dell’Unione Europea o dello Spazio economico europeo deve possedere la documentazione per comprovarne detenzione e circolazione, soprattutto se il veicolo era stato precedentemente immatricolato in Italia. In mancanza della suddetta documentazione è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria che va da euro 84 a euro 335 oltre al ritiro della patente per trenta giorni. Cercare di risparmiare sul bollo auto con questi trucchi potrebbe quindi costare caro.  

Auto aziendali con targhe straniere: bollo e multe

Per le auto di proprietà di imprese estere di leasing o di locazione senza conducente nella disponibilità a persona fisica residente anagraficamente in Italia, o a persona giuridica, anche di diritto straniero, con una sede legale o secondaria in Italia, circolanti nel territorio nazionale per un periodo superiore a trenta giorni, scatta in automatico la reimmatricolazione con targa italiana, entro sessanta giorni dall’acquisizione in disponibilità. Questo significa riassoggettamento al bollo auto e alle multe.

Multe autovelox e bici: nuove regole

Giro di vite anche sulla strumentazione elettronica per la segnalazione degli autovelox. Novità per le biciclette: sarà possibile parcheggiarle anche sui marciapiedi e nelle zone pedonali e circolare in direzione contraria al senso di marcia se ci si trova in zone urbane con limite di velocità ridotto a 30 km/h.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bollo auto