Bollo auto 2020: sconto del 15% per chi paga tramite banca

La Regione Lombardia applica lo sconto del 15% sul bollo auto se si paga tramite banca. L’esempio potrebbe presto essere seguito anche da altre regioni italiane.

di , pubblicato il
La Regione Lombardia applica lo sconto del 15% sul bollo auto se si paga tramite banca. L’esempio potrebbe presto essere seguito anche da altre regioni italiane.

Uno sconto del 15% sul bollo auto per chi paga con domiciliazione bancaria. E’ quanto ha stabilito la Regione Lombardia per i proprietari di automobili e moto che da quest’anno decidono di avvalersi del canale bancario per pagare l’odiosa tassa automobilistica.

La novità scaturisce dall’importante sentenza dello scorso anno della Corte Costituzionale (n. 122 del 20 maggio 2019), precisando la propria giurisprudenza in materia. I giudici costituzionali hanno stabilito che le peculiarità attribuite alla tassa automobilistica impongono alle Regioni soltanto di non aumentare la pressione fiscale oltre i limiti fissati dal legislatore statale. Pertanto, per sviluppare un’autonoma politica fiscale in funzione di specifiche esigenze, le Regioni possono introdurre esenzioni anche se non previste dal legislatore statale.

Così la Lombardia è stata la prima regione italiana ad applicare sconti sul bollo auto nella misura del 15% a condizione che questi venga pagato tramite domiciliazione bancaria, proprio come si fa per le bollette della luce o del gas. L’obiettivo è quello di combattere l’evasione e soprattutto di ridurre sensibilmente il lavoro e i costi verso le azioni di recupero per coloro che “si dimenticano” di pagare la tassa automobilistica. E lo sconto sembra piacere: la riduzione del 15% della tassa riservata a chi paga con domiciliazione bancaria ha infatti registrato un decisivo incremento confermato dai dati di gennaio 2020.

Bollo auto: il risparmio medio è di 29,4 euro

Stando alle statistiche fornite dalla Regione Lombardia, a gennaio ben 110.073 persone fisiche e 1.444 persone giuridiche hanno scelto la domiciliazione bancaria. Rispetto al gennaio 2019  i numeri sono cresciuti rispettivamente del 29% e del 359%. Chi ha usufruito dello sconto nel complesso ha versato 18.689.035,71 euro, con un risparmio medio di 29,41 euro, con una punta massima di 294,70 euro (nel 2019 sono stati 19,78 e 196,47). “Gli automobilisti lombardi a gennaio hanno risparmiato 3,28 milioni di euro“, ha osservato l’assessore regionale a Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini.

In base ai riscontri sul bollo auto con scadenza 31 gennaio, è stato registrato un gettito di 95.201.301 euro. Tra i vantaggi – ha continuato Caparini – anche ‘zero stress’ per le code agli sportelli, a tutto vantaggio della qualità della vita, e la certezza di non dimenticare la scadenza correndo quindi il rischio di incorrere in sanzioni per ritardi o mancati pagamenti. Registriamo un forte calo di emissione di avvisi di mancato pagamento – spiega Caparini -. Un trend che è anche indice di una netta diminuzione della cosiddetta evasione ‘inconsapevole’, quella per intenderci dovuta a dimenticanza e che porta a pagare sanzioni”.

Come richiedere la domiciliazione bancaria

Ma come si fa per ottenere la domiciliazione bancaria del bollo auto? La procedura è semplice e richiede poco tempo. Innanzitutto bisogna accedere al sito internet della Regione Lombardia e autenticarsi con le proprie credenziali. Una volta entrati nella propria area personale, accedendo alla sezione “Domiciliazione” sarà possibile compilare e inviare il mandato di autorizzazione all’addebito (mandato SEPA Direct Core). La domiciliazione sarà attiva fin dalla prima scadenza del bollo se l’inoltro avviene entro la fine del mese precedente a quello in cui deve essere effettuato il pagamento (es.: termine pagamento 31/05/2020: invio richiesta domiciliazione: entro il 30/04/2020).

900 mila soggetti hanno già aderito alla nuova modalità di pagamento

Stando ai dati ufficiali della Regione Lombardia, dallo scorso ottobre, quando è stato annunciato l’incremento dello sconto sul bollo auto e moto, sono stati 89.494 i nuovi mandati inviati da privati, artigiani, professionisti e piccole e medie imprese (per le grandi imprese con più di 50 vetture lo sconto, invece, è rimasto invariato al 10%). Un raddoppio rispetto ai 39.637 dello stesso periodo del 2018. Nel solo mese di gennaio 2020 se ne sono aggiunti altri 23.672, arrivando così a 899.357 su un totale di oltre 7 milioni di bolli. L’addebito in banca sino a oggi è stato scelto da 899.357 soggetti.

In prevalenza si tratta di automobilisti uomini: sono 559.315. Le donne si attestano a 324.684. La fascia d’età prevalente è quella over 60, con 323.474 mandati (tra 50 e 59 anni 226.654, tra 30 e 49 anni 308.910, sotto i 30 anni 29.468). “Come avevamo previsto, questa misura che abbassa il carico fiscale sui cittadini, sulle aziende e aiuta il budget familiare – ha sottolineato Caparini  -, ha amplificato la sua attrattività con l’aumento dello sconto. Abbiamo premiato coloro che pagano con regolarità, semplificandogli anche la vita, contribuendo a ridurre l’evasione“.

Argomenti: ,