Auto disabili in leasing: Iva scontata al 4%

I veicoli in leasing per i soggetti portatori di handicap godono dell'aliquota Iva ridotta al 4%, sia sui canoni di locazione, sia sul prezzo di riscatto. Il contratto di leasing però deve prevedere la volontà di riscatto del bene alla fine della locazione

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
I veicoli in leasing per i soggetti portatori di handicap godono dell'aliquota Iva ridotta al 4%, sia sui canoni di locazione, sia sul prezzo di riscatto. Il contratto di leasing però deve prevedere la volontà di riscatto del bene alla fine della locazione

Iva agevolata al 4% per l’acquisto di veicoli per disabili, estesa al leasing, per cui l’Iva al 4% si applica sia ai canoni di locazione sia al prezzo di riscatto.

 

Agenzia entrate risoluzione n. 66/2012

Con la risoluzione n. 66 di oggi, 20 giugno 2012, l’Agenzia delle entrate precisa che l’aliquota Iva ridotta al 4%, è prevista non solo per le cessioni di veicoli a disabili, ma anche per i contratti di leasing di auto per soggetti portatori di handicap.

 

Acquisto auto disabili: Iva al 4%

Tra le agevolazioni previste in favore dei soggetti disabili, si ricorda infatti l’aliquota Iva agevolata al 4% per l’acquisto di autoveicoli. In particolare si prevede che i veicoli ceduti ai disabili o ai familiari di cui essi sono fiscalmente a carico, sono soggetti ad Iva con applicazione dell’aliquota ridotta nella misura del 4%, come sancito ai sensi della Tabella A, parte seconda, n. 31) del Dpr 633/1972.

 

Le condizioni per fruire dell’agevolazione

Il decreto del ministero delle Finanze del 16 maggio 1986, nel definire le procedure per fruire dell’agevolazione in esame, ha richiesto che il veicolo debba essere intestato all’acquirente avente diritto all’applicazione dell’aliquota ridotta al 4%.

 

Iva al 4% anche per il leasing

Ricordato ciò, le Entrate sottolineano che l’aliquota Iva ridotta al 4% trova applicazione anche nelle ipotesi di acquisto dei veicoli per disabili tramite contratti di locazione finanziaria o leasing. L’Agenzia sottolinea che affinchè la società di leasing possa applicare l’Iva al 4%, oltre che in relazione al prezzo di riscatto, anche sui canoni di locazione finanziaria, è però richiesto che il contratto stipulato dal disabile o dal familiare che lo ha fiscalmente a carico rechi clausole dalle quali emerga la volontà delle parti di concretizzare il trasferimento della proprietà del veicolo locato a beneficio del soggetto utilizzatore, mediante il riscatto, alla fine della locazione. Inoltre si precisa che al momento della stipula del contratto di leasing debbano sussistere le condizioni scritte nella legge per poter fruire dell’agevolazione, ossia la carta di circolazione debba recare l’annotazione degli eventuali adattamenti del veicolo, del nominativo dell’utilizzatore avente diritto allo sconto e della data di scadenza del contratto di leasing.

 

Trasferimento veicolo prima dei 2 anni dall’acquisto

Da ultimo nella risoluzione di oggi, l’Amministrazione finanziaria ricorda anche che l’acquirente, nel caso di trasferimento del bene a titolo oneroso o gratuito, prima che decorrano i due anni dall’acquisto, deve versare la differenza fra l’imposta dovuta in assenza di agevolazioni e quella che risulta dall’applicazione delle stesse agevolazioni.

 

 Sullo stesso argomento ti potrebbe interessare:

730/2012: le agevolazioni per i soggetti disabili

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Agevolazioni fiscali disabili

I commenti sono chiusi.