Aumenti busta paga, da 4 a 76 euro al mese: ecco quanto ti spetta in base al reddito

Ecco gli aumenti in busta paga in arrivo. Grazie alla riforma dell'IRPEF che è stata messa a punto dal Governo italiano guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi. Le simulazioni.

di , pubblicato il
Busta paga da marzo 2022 senza detrazioni carichi familiari, cosa cambia e come si recuperano

Ecco gli aumenti in busta paga in arrivo. Grazie alla riforma dell’IRPEF che è stata messa a punto dal Governo italiano che è guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi. Si tratta, a conti fatti, di una revisione degli scaglioni Irpef, che passeranno da 5 a 4 e che avvantaggerà mediamente e maggiormente il cosiddetto ceto medio. Così come è riportato in questo articolo.

Per quel che riguarda proprio la possibilità di far pagare meno tasse ai lavoratori. Con conseguenti aumenti busta paga. E con una variabilità, in base al reddito, che spazia da soli 4 euro al mese in più. E fino ad un massimo di 76 euro in più in busta paga in base alle simulazioni.

Aumenti in busta paga, da 4 a 76 euro al mese: ecco quanto ti spetta in base al reddito

Nel dettaglio, su aumenti in busta paga, attualmente gli scaglioni Irpef, come sopra accennato, sono 5. Ovverosia, l’aliquota al 23% per la quota di reddito fino a 15.000 euro. Il 27% sopra i 15.000 euro e fino a 28.000 euro. Il 38% sopra i 28.000 euro e fino a 55.000 euro. Il 41% sopra i 55.000 euro e fino a 75.000 euro. E poi l’ultimo scaglione Irpef al 43% per il reddito eccedente la soglia dei 75.000 euro.

Per gli aumenti in busta paga con la riforma dell’Irpef, invece, gli scaglioni scenderanno a 4 come segue. Sempre il 23% fino a 15.000 euro, e poi il 25% sopra i 15.000 euro e fino a 28.000 euro. Si sale al 35% tra 28.000 euro e 50.000 euro, ed al 43% sopra i 50.000 euro.

Ecco quanto ti spetta con la revisione degli scaglioni Irpef

Su aumenti in busta paga con la revisione degli scaglioni Irpef, per rendere l’idea, un lavoratore che dichiara all’Agenzia delle Entrate 50.000 euro lordi annui si avvantaggerà di un risparmio di imposta pari a poco più di 900 euro.

Per i redditi più bassi il risparmio fiscale chiaramente tende a decrescere. Passando a circa 300 euro di risparmio di imposta annuo per i redditi pari a 30.000 euro lordi. Risparmio che si aggira e che scende sui 100 euro annui, invece, dichiarando un lordo di 20.000 euro.

Argomenti: , , , , , , , , ,