Assegno unico, è salva la detrazione delle spese per i figli a carico?

L’assegno unico, sostituisce le detrazioni per i figli a carico fino a 21 anni e senza limiti di età per i figli disabili. Cosa succede, invece, alle spese sostenute dal genitore?

di , pubblicato il
Assegno unico, è salva la detrazione delle spese per i figli a carico?

Per l’assegno unico la normativa di riferimento prevede una definizione di “figli a carico” ad hoc rispetto a quella stabilita ai fini fiscali. In dettaglio:

  • secondo la normativa fiscale, si possono considerare a carico del genitore (e quindi, godere della relativa detrazione per familiari a carico) i figli che (anche se non conviventi con il genitore) hanno conseguito un reddito complessivo
    • uguale o inferiore a 4.000 euro, se trattasi di figli di età non superiore ai 24 anni
    • uguale o inferiore a 2.840,51 euro, se trattasi di figli con età oltre i 24 anni
  • in ambito assegno unico, si considerano a carico i figli facente parte del nucleo familiare ai fini ISEE.

Assegno unico: l’incompatibilità con le detrazioni fiscali per i figli

L’assegno unico per figli a carico debutta da marzo 2022 e sarà pagato (mensilmente) dall’INPS (non in busta paga). La prestazione sostituisce:

  • il premio alla nascita o all’adozione (c.
    d. bonus mamma domani);
  • l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori
  • gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfanili
  • l’assegno di natalità (cd. bonus bebè)
  • le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni e quelle per figli disabili senza limiti di età.

Resta il bonus asilo nido.

Resta la detrazione spese in dichiarazione redditi?

Dunque, con l’assegno unico spariscono, a partire dalla busta paga di marzo, l’assegno familiare per i figli a carico e le detrazioni fiscali per figli a carico fino a 21 anni e quelle per figli disabili senza limiti di età.

Da precisare è che restano le detrazioni fiscali riconosciute, invece, a fronte di spese sostenute per i figli a carico.

Ci riferiamo, ad esempio, alla detrazione del 19% per spese sanitarie, rate dell’università, ecc., che il genitore sostiene per il figlio “fiscalmente” a carico e recuperate dal genitore stesso in dichiarazione dei redditi.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,