Assegno unico per i figli al via dal 1 marzo 2022, requisiti e beneficiari

Al via dal 1 marzo 2022 l’assegno unico universale per i figli a carico. E’ corrisposto fino al 21 esimo anno di età.

di , pubblicato il
Domanda assegno unico figli 2022, pronto il simulatore online per sapere quanto spetta

Parte il 1 marzo 2022 l’assegno unico per i figli a carico. La modifica, varata lo scorso anno, è stata recepita con la manovra di bilancio 2022 ed è destinata a rivoluzionare il welfare familiare.

Dal 1 marzo 2022 entra quindi a pieno regime l’assegno unico per i figli, detto anche assegno universale. Sostituirà gli attuali assegni per il nucleo familiare (ANF), le detrazioni per figli a carico, l’assegno di natalità, il bonus nido, ecc.

Assegno unico universale al via il 1 marzo 2022

Nel dettaglio, l’importo dell’assegno consisterà in una somma erogabile dall’Inps fino 250 euro al mese per figlio dal 7 mese al 21 esimo anno di età. Sono previsti aumenti per famiglie numerose e con figli disabili. I soldi saranno corrisposti anche a lavoratori autonomi e incapienti.

Il lato positivo della riforma consiste quindi nell’estensione della platea dei beneficiari e nell’aumento dell’importo. Il lato negativo, invece, è dato dal fatto che i limiti ancora non si conoscono bene.

l’assegno unico per i figli assorbe quindi diverse indennità finora riconosciute e che sono:

  • le detrazioni per figli a carico
  • l’assegno di natalità fino a 800 euro
  • l’assegno familiare erogato dai comuni
  • gli assegni ai nuclei familiari (ANF)
  • il bonus bebè

Restano ancora in vigore il bonus nido e l’assegno di maternità erogati dai Comuni. Con riguardo alle detrazioni per i figli a carico, infine, resta in vigore quella base per i figli di età pari o superiore a 21 anni non aventi diritto all’assegno unico.

Requisiti e beneficiari

L’assegno unico è riconosciuto ai nuclei familiari per ogni figlio minorenne fiscalmente a carico e per i nuovi nati, a decorrere dal settimo mese di gravidanza.

L’assegno è erogato fino al compimento del 18 esimo anno di età.

Può essere richiesto anche per i figli maggiorenni a carico fino al 21 esimo anno di età se sono iscritti all’Università, frequentano corsi di formazione o svolgano tirocini con redditi inferiori a 8.000 euro. Ma anche se sono disoccupati o svolgono servizio civile universale.

Il richiedente l’assegno unico deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno Ue;
  • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
  • residente e domiciliato in Italia;
  • essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale.
Argomenti: ,