Assegno unico, i figli devono convivere con i genitori?

Condizione essenziale ai fini del diritto all’assegno unico per figli è che questi ultimi siano a carico dei genitori

di , pubblicato il
Assegno unico, i figli devono convivere con i genitori?

L’assegno unico spetta per i figli a carico minorenni, maggiorenni fino a 21 anni (se rispettate alcune condizioni) e figli a carico con disabilità a prescindere dall’età anagrafica. Ai fini del beneficio è necessario che tali figli risultino conviventi con i genitori?

In altri termini, ad esempio, l’assegno spetta anche se il figlio vive a Milano lontano dai genitori che lo richiedono?

Facciamo chiarezza.

L’assegno unico non è automatico

L’assegno unico, che debutterà dal mese di marzo 2022, sostituisce le detrazioni per figli a carico fino al 21° anno di età (e senza limiti di età per figli disabili). Sostituisce anche l’assegno familiare per figli a carico.

Per averlo bisogna presentare apposita domanda all’INPS (solo chi ha reddito di cittadinanza lo riceverà in automatico). Va da marzo a febbraio dell’anno successivo (quindi, ogni anno bisognerà farne richiesta) e sarà pagato, mensilmente, direttamente dall’INPS (non in busta paga).

L’importo che spetta è legato all’ISEE del nucleo familiare. Ad esempio per ISEE fino a 15.000 euro scatta un assegno mensile di 175 euro per ciascun figlio a carico minorenne. La somma decresce all’aumentare del valore ISEE. Sono previste anche maggiorazioni (ad esempio in caso di famiglie numerose, oppure in caso di presenza di figli con disabilità, ecc.).

I requisiti per i figli: serve la convivenza?

Tutti i nuclei familiari hanno diritto all’assegno unico indipendentemente dalla situazione lavorativa. Quindi, possono farne domanda anche i disoccupati e i titolari di partita IVA. Il beneficio è riconosciuto:

  • per ogni figlio minorenne a carico
  • per ogni figlio maggiorenne a carico, fino al compimento del 21° anno di età purché in capo al figlio stesso sia soddisfatta una delle seguenti condizioni:
    • frequenza di un corso di formazione scolastica o professionale ovvero di un corso di laurea
    • svolgimento di un tirocinio ovvero di un’attività lavorativa e possesso di un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui
    • registrazione come disoccupato e in cerca di lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego
    •  svolgimento del servizio civile universale
  • per ogni figlio disabile a carico, senza limiti di età.

Non è necessario che i figli per i quali si chiede l’assegno unico convivano con i genitori. Si tenga altresì presente che la richiesta può essere fatta anche direttamente dal figlio maggiorenne in luogo del genitore. In questo caso la domanda si riferirà alla sola quota di assegno di competenza del figlio maggiorenne stesso e sarà a lui direttamente pagata.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,