Assegno unico, attenzione alla data della richiesta: l’INPS detta le regole

Per le domande presentate a gennaio 2022 e febbraio 2022, l’assegno unico sarà corrisposto a partire dal mese di marzo 2022. In dettaglio tutte le regole

di , pubblicato il
Assegno unico, attenzione alla data della richiesta: l'INPS detta le regole

L’INPS detta regole precise per la domanda assegno unico che fa il suo debutto in questo anno 2022. Attenzione particolare alla data della richiesta.

Si tratta del sostegno economico alle famiglie attribuito, dal 2022, per ogni figlio a carico fino al compimento dei 21 anni e senza limiti di età per i figli disabili. L’importo spettante varia in base all’ISEE valido al momento della domanda tenuto conto dell’età e del numero dei figli nonché di eventuali situazioni di disabilità dei figli.

L’assegno unico sostituisce l’assegno nucleo familiare per figli a carico (non quello per coniuge a carico che, quindi, resta) e la detrazione per figli a carico (resta la detrazione per coniuge e carico e quella per altri familiari a carico).

Le regole INPS per la data di domanda assegno unico

L’assegno unico non scatta in automatico. Per averlo occorre presentare apposita domanda all’INPS.

La richiesta può essere presentata a partire dal 1° gennaio 2022. L’importo sarà erogato (direttamente dall’INPS e non quindi in busta paga o cedolino pensione) a partire da marzo 2022. La domanda è annuale, comprendendo le mensilità che vanno da marzo a febbraio dell’anno successivo (la richiesta, quindi, è da farsi ogni anno).

Al riguardo, per l’assegno unico 2022, l’INPS detta le seguenti regole:

  • per le domande presentate a gennaio 2022 e febbraio 2022, l’assegno sarà corrisposto a partire dal mese di marzo 2022 (i relativi pagamenti saranno effettuati dal 15 al 21 marzo 2022)
  • in caso di domande presentate dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022, l’assegno unico e universale spetta con tutti gli arretrati a partire dal mese di marzo 2022
  • per le domande presentate dopo il 30 giugno 2022, l’assegno decorre dal mese successivo a quello di presentazione ed è determinato sulla base dell’ISEE al momento della domanda.

Si tenga presente che i mesi di gennaio 2022 e febbraio 2022 saranno, comunque, coperti dalle attuali prestazioni a sostegno delle famiglie (quindi, non si perderà l’assegno nucleo familiare per figli a carico).

Tutte le modalità di richiesta

La domanda di accesso all’assegno unico può essere presentata:

  • accedendo dal sito web www.inps.it al servizio “Assegno unico e universale per i figli a carico” con SPID almeno di livello 2, Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS)
  • contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico)
  • tramite enti di patronato, attraverso i servizi telematici offerti gratuitamente dagli stessi.

Nella richiesta occorre anche indicare la modalità con cui si intende ricevere il pagamento (riportando, ad esempio, l’IBAN se si vuole accredito in c/c).

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: ,