730/2022 in caso di decesso, tutte le regole per gli eredi

Se dal Modello 730/2022 della persona deceduta scaturisce un debito d’imposta, gli eredi sono anche obbligati al versamento di tale importo

di , pubblicato il
730 precompilato 2022, cosa fare dal 31 maggio e perché non sbagliare

Come per lo scorso anno, continua ad essere prevista la possibilità per gli eredi di presentare la dichiarazione dei redditi della persona deceduta utilizzando il Modello 730. In premessa, ricordiamo che il Modello 730/2022 (riferito all’anno d’imposta 2021) dovrà essere inviato entro il 30 settembre 2022.

Tale scadenza vale sia per il 730 precompilato (che sarà reso disponibile dal 30 aprile 2022) sia per il 730 ordinario.

Quando gli eredi possono utilizzare il Modello 730/2022

Quando un soggetto muore (de cuius), se questi era tenuto a presentare dichiarazione dei redditi e non vi aveva ancora provveduto, sono obbligati a farlo gli eredi per suo conto. Fino a due anni fa questi ultimi dovevano farlo utilizzando esclusivamente il Modello Redditi Persone Fisiche.

Il fisco ha poi concesso la possibilità adempiere anche attraverso l’utilizzo del Modello 730.

Così è stabilito che, nel caso in cui una persona viene a mancare e se questa risulti obbligata alla presentazione della dichiarazione dei redditi riferita all’anno d’imposta 2021  :

  • se il decesso è avvenuto nel 2021 o entro il 30 settembre 2022, gli eredi possono presentare la dichiarazione redditi del deceduto utilizzando il Modello 730/2022 (nulla toglie di poter utilizzare il Modello Redditi Persone Fisiche)
  • laddove il decesso avvenga dopo il 30 settembre 2022, gli eredi che devono presentare la dichiarazione redditi del deceduto sono obbligati ad utilizzare il Modello Redditi Persone Fisiche (non possono ricorrere, quindi al Modello 730).

Il versamento delle imposte del de cuius

Il Modello 730/2022 della persona deceduta deve essere presentato al Caf o professionista abilitato o presentato telematicamente all’Agenzia delle Entrate. Quindi, non può essere consegnato né al sostituto d’imposta del deceduto né al sostituto d’imposta dell’erede.

Se dal modello scaturisce un debito d’imposta, questi deve essere versato dagli eredi con Modello F24.

Riguardo i termini di versamento, valgono le seguenti regole:

  • se il soggetto risulta deceduto entro il 28 febbraio 2022, i versamenti devono essere effettuati dagli eredi nei termini ordinari (30 giugno 2022, salvo eventuali proroghe)
  • per le persone decedute successivamente, i termini sono prorogati di 6 mesi e scadono, quindi, il 30 dicembre 2022.

Laddove dal modello, invece, risulti un credito d’imposta quest’ultimo può essere chiesto a rimborso dagli eredi stessi.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: , ,