IG Group annuncia i risultati finanziari relativi all’anno fiscale FY20 con dividendo a 43,2 pence per azione

di , pubblicato il
IG Group Holdings plc, leader mondiale nel trading online, annuncia oggi i risultati finanziari relativi all’anno fiscale terminato il 31 maggio 2020 (FY20).

IG Group Holdings plc, leader mondiale nel trading online, annuncia oggi i risultati finanziari relativi all’anno fiscale terminato il 31 maggio 2020 (FY20).

Buone performance nel Q1-Q3 FY20, potenziate dagli eccezionali risultati del Q4 FY20:

  • I ricavi netti del trading dell’intero anno hanno visto un incremento del 36% a 649,2 milioni di sterline (FY19: 476,9 milioni di sterline) con un profitto al lordo delle imposte in aumento del 52% a 295,9 milioni di sterline (FY19: 194,3 milioni di sterline)
  • I ricavi netti del trading nel Q1-Q3 FY20 sono aumentati del 9% a 389,7 milioni di sterline (Q1-Q3 FY19: 359,0 milioni di sterline) e i ricavi del Q4 FY20 sono più che raddoppiati rispetto all’ anno precedente, raggiungendo i 259,5 milioni di sterline (Q4 FY19: 117,9 milioni di sterline)
  • I clienti attivi sono cresciuti del 34% a 239.600 (FY19: 178.500), con 96.900 nuovi clienti nel FY20
  • Il dividendo dell’intero anno, pari a 43,2 pence per azione, è stato mantenuto per il FY20 (FY19: 43,2 pence), in linea con le precedenti indicazioni

Progressi significativi e tangibili nelle attività strategiche:

  •  I ricavi netti dei Core Market sono cresciuti del 3% a 325,5 milioni di sterline nel Q1-Q3 FY20 (Q1-Q3 FY19 : 316,1 milioni di sterline), con una crescita consistente nel quarto trimestre, raggiungendo i 540,8 milioni di sterline per l’intero anno (FY19: 418,2 milioni di sterline)
  • I ricavi delle Opportunità significative sono quasi raddoppiati a 108,4 milioni di sterline (FY19: 58,7 milioni di sterline), sostenuti anche dalle straordinarie condizioni di trading del 4° trimestre, con l’aumento dello slancio in Asia, negli Stati Uniti e con il lancio di nuovi prodotti in Europa

Gestione di successo durante la pandemia Covid-19 fino ad oggi:

  • I continui investimenti in infrastrutture e sistemi tecnologici hanno consentito a tutta la forza lavoro di IG Group di passare rapidamente al lavoro agile, gestendo al contempo eccezionali volumi di scambi commerciali e acquisire nuovi clienti; il volume medio giornaliero degli scambi ha superato 1 milione nel marzo 2020, contro un volume medio giornaliero di scambi di 336.000 nel marzo 2019
  • Il capitale, la raccolta e la liquidità del Gruppo sono rimasti solidi per tutto il periodo, consentendo di continuare a sostenere i propri clienti durante l’estrema volatilità che ha caratterizzato il quarto trimestre; un’efficace gestione del rischio ha permesso ad IG Group di rimanere entro i limiti di rischio di mercato approvati dal Consiglio di Amministrazione
 Focalizzato sul sostegno alle nostre comunità globali attraverso iniziative a carattere ambientale, sociale e di governance, il Gruppo:
  • Ha donato 5 milioni di sterline al Fondo IG Brighter Future
  • È diventato una società a zero emissioni di carbonio nel luglio 2020

Dividendo

Il Consiglio raccomanda un dividendo finale di 30,24 pence per azione, portando il dividendo dell’intero anno per l’esercizio FY20 a 43,2 pence per azione (FY19: 43,2 pence), in linea con le precedenti indicazioni.

Il dividendo finale, se approvato da azionisti, sarà versato il 22 ottobre 2020 ai soci iscritti nel registro alla chiusura dell’esercizio il 25 settembre 2020.

Il capitale, la raccolta e la liquidità rimangono molto forti, una base solida per ulteriori investimenti nella crescita e il pagamento del dividendo. Il Consiglio ribadisce l’intenzione di mantenere il dividendo annuo di 43,2 pence per azione fino a quando gli utili del Gruppo consentono la distribuzione di dividendi progressivi.

Outlook

Il Gruppo prevede di mantenere lo slancio attorno ai Core Market e al portafoglio delle Opportunità Significative, confermando i progressi compiuti nel corso dell’esercizio FY20, per raggiungere i propri obiettivi finanziari a medio termine. Questi, al momento, rimangono invariati; la crescita dei ricavi nei Core Market del 3-5% nel medio termine, e un incremento di 100 milioni di sterline di ricavi entro la fine dell’esercizio FY22 relativo al portafoglio delle Opportunità Significative.

Il Gruppo prevede un ritorno a livelli di volatilità di mercato più normalizzati nel corso dell’esercizio FY21.

Sebbene il trading attuale abbia continuato a riflettere elevati livelli di volatilità, la situazione si è mitigata dopo il picco registrato a marzo.

Nell’esercizio FY21 il Gruppo prevede una crescita dei costi operativi sottostanti del 3%. Inoltre, al fine di sostenere la prossima fase di sviluppo pianificata nel portafoglio delle Opportunità Significative e di aumentare ulteriormente la scalabilità e la resilienza nella sua tecnologia e nelle sue operazioni, il Gruppo prevede di effettuare un investimento di 10 milioni di sterline nell’anno.

Il commento del top manager June Felix

 June Felix, Chief Executive, ha commentato:

“È stato un primo anno di successo per la nostra strategia di crescita triennale volta a rendere il nostro business più sostenibile, diversificato e globale. Abbiamo concluso il FY20 ampiamente in linea con i nostri obiettivi di medio termine e siamo fiduciosi di poter raggiungere i target che ci siamo prefissati. 

Sono lieta dei progressi tangibili fatti, della resilienza che abbiamo dimostrato come azienda e dei risultati record realizzati. Sono particolarmente orgogliosa di come i nostri collaboratori abbiano lavorato insieme durante la pandemia di Covid-19 per sostenere i nostri clienti, i loro colleghi e le comunità in cui operiamo. Le performance registrate durante questo momentum straordinario hanno dimostrato che le nostre risorse costituiscono un valore aggiunto e un asset chiave per l’azienda. 

Inoltre, consapevoli della fase storica che stiamo vivendo, difficile per molti, abbiamo scelto di fare una donazione di 5 milioni di sterline al Fondo IG Brighter Future, a favore dei bambini le cui opportunità educative e di formazione sono state maggiormente impattate dal Covid-19”.

Argomenti: ,