Tassi dei mutui ai minimi storici, ma i prezzi delle case non accennano a diminuire

Secondo la previsione di Immobiliare.it, a dicembre 2020 la contrazione riguardante la compravendita delle case in Italia sarà pari al 20%.

di , pubblicato il
Secondo la previsione di Immobiliare.it, a dicembre 2020 la contrazione riguardante la compravendita delle case in Italia sarà pari al 20%.

Il mercato immobiliare vive in Italia una situazione particolare. Da una parte, infatti, i tassi dei mutui sono ai minimi storici, dall’altra però le compravendite sono in calo. Il motivo? I prezzi delle case non accennano a diminuire, nonostante la pandemia del coronavirus abbia dato una mazzata non soltanto a migliaia di famiglie italiane ma all’intera economia globale, come dimostrano i recenti dati sul PIL di cui vi abbiamo parlato la settimana scorsa. Ed è così che il segno meno caratterizzerà l’annata 2020, con un primo trimestre in ribasso del 15,5%, percentuale destinata a scendere anche nel corso dei prossimi mesi.

Crollano le compravendite in Italia ma i prezzi delle case rimangono gli stessi

Secondo la previsione di Immobiliare.it, a dicembre 2020 la contrazione riguardante la compravendita delle case in Italia sarà pari al 20%. Se a questo aggiungiamo i tassi dei mutui ai minimi termini, ci si aspetterebbe che anche i prezzi della abitazioni siano in calo. In realtà, il costo degli immobili è rimasto uguale al periodo precedente il coronavirus. C’è però una spiegazione a tutto questo, ed è lo stesso portale specializzato nel mercato immobiliare italiano ad offrirla.

Perché i prezzi delle case non scendono

Principalmente ci sono due ragioni per cui i prezzi delle case non sono scesi in questi mesi. Per quanto riguarda la prima, occorre sottolineare che molte trattative erano in dirittura d’arrivo nelle settimane che hanno preceduto l’arrivo del Covid, e non appena è stato possibile riprenderle nella tarda primavera era oggettivamente difficile trattare un nuovo prezzo. L’altro motivo per il quale i prezzi degli immobili sono rimasti invariati dipende dal fatto che già prima del coronavirus i costi delle abitazioni avevano raggiunto il minimo storico, dunque per i proprietari è difficile abbassare ancora l’asticella.

Il futuro del mercato immobiliare comunque è tutto da vedere, sopratutto con la pandemia ancora in corso e scenari che ad oggi sono difficilmente prevedibili. Nel frattempo sembrano andare sempre meglio le proposte relative alle case a 1 Euro, sperimentate in alcuni borghi a rischio spopolamento o l’acquisto di case all’asta.

Leggi anche: 9 città italiane dove comprare case a 1 euro

Le 10 migliori case all’asta nelle più belle isole italiane

[email protected]

Argomenti: ,