Pagamenti elettronici, Italia guarda al modello del Portogallo: l’esempio di Lisbona per aumentare il gettito Iva

Tale sistema è stato introdotto nel 2013 e ha permesso al Portogallo di aumentare il gettito dell'Iva del 13%.

di , pubblicato il
Tale sistema è stato introdotto nel 2013 e ha permesso al Portogallo di aumentare il gettito dell'Iva del 13%.

Oltre al green new deal e al taglio del cuneo fiscale, la Nota di aggiornamento del Def contiene anche le misure volte a favorire i pagamenti elettronici a partire dal prossimo anno. Non è un segreto che il nuovo governo M5S-Pd consideri l’aumento dell’utilizzo della moneta elettronica un valore fondamentale per la lotta all’evasione fiscale e per vedere così crescere il gettito derivante dall’Iva. In un approfondimento a cura del giornalista Riccardo Liguori, l’Agi sottolinea come l’Italia guardi al modello del Portogallo.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2020: Cashback e bonus Befana, le mosse del governo pro pagamenti elettronici

L’esempio del Portogallo

Nel Paese che ha per capitale Lisbona, la richiesta della fattura elettronica consente di avere una detrazione pari al 15% dell’importo corrisposto. Il valore della detrazione viene poi messo a credito nell’anno successivo, al momento della dichiarazione dei redditi. Tale sistema è stato introdotto nel 2013 e ha permesso alla nazione portoghese di aumentare il gettito dell’Iva del 13%. Non bisogna dimenticare che non si tratterebbe di una novità assoluta nemmeno per l’Italia, che negli ultimi anni ha concesso detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica delle abitazioni e per i pagamenti relativi alla ristrutturazione edilizia.

La ricetta del nuovo ministro all’Economia

Roberto Gualtieri sta studiando la formula del cashback, come vi abbiamo annunciato in un precedente articolo. L’idea è semplice: chi paga con bancomat e carte di credito riceverà poi sotto forma di rimborso una piccola percentuale dell’importo speso. Così come avviene in Portogallo, lo sconto fiscale sarebbe a carico dello Stato e verrebbe saldato in occasione della dichiarazione dei redditi.

Oltre ad aiutare l’aumento del gettito dell’Iva, favorire i pagamenti elettronici significherebbe anche contrastare in maniera più efficace le mafie e il riciclaggio. Per incentivare l’utilizzo della moneta elettronica, il governo starebbe pensando di eliminare le commissioni per gli esercenti e di introdurre sanzioni contro coloro che non attivano il Pos e/o non accettano pagamenti con bancomat e carte di credito. Sicuramente maggiori dettagli emergeranno prossimamente.

Leggi anche: Svolta pagamenti elettronici, stop contante: ma quanto costano le carte delle banche più importanti

Scrivete a [email protected]

 

Argomenti: , ,