I nuovi “stipendi d’oro” dei dipendenti di Camera e Senato

Mentre è stato dato il via libera all'aumento di 85 euro per i contratti statali aumentano gli stipendi per i dipendenti di Camera e Senato.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Mentre è stato dato il via libera all'aumento di 85 euro per i contratti statali aumentano gli stipendi per i dipendenti di Camera e Senato.

Aumento degli stipendi per i dipendenti di Camera e Senato. Una cifra record che può arrivare anche a 480mila euro lordi. I dati arrivano da Dirstat, la rappresentanza della dirigenza del pubblico impiego, rimarcando il fatto che alcuni aumenti andranno a superare anche i tetti in vigore fino all’anno scorso. Gli aumenti riguardano anche i dipendenti della Regione Sicilia, che alla fine di gennaio riceveranno la stessa identica retribuzione dei dipendenti del Senato della Repubblica. La spesa totale, come rimarca Dirstat, è di 175 milioni di euro. 

Quanto guadagnano i dipendenti di Camera e Senato

Come sottolineato ad inizio articolo, le retribuzioni del 44% su 137 funzionari supereranno i 240mila euro con punte di 480mila euro, per i 249 documentaristi si parla di 166mila euro, i  segretari parlamentari supereranno il tetto di 155mila euro mentre la metà degli assistenti parlamentari sforeranno la cifra di 99mila euro. Le motivazioni vanno cercate nella sentenza che dal 1 gennaio ha riportato gli stipendi del personale della Camera dei Deputati e Senato della Repubblica ai livelli precedenti dopo il congelamento. Stesso trattamento sarà riservato ai dipendenti della regione Sicilia, che da fine mese avranno lo stesso trattamento dei  dipendenti del Senato della Repubblica.

Gli statali non conoscono crisi: diminuiti solo del 5% in nove anni

Aumento di 85 euro per contratti statali

Nel frattempo, il Consiglio dei ministri ha approvato l’intesa sul rinnovo contrattuale degli statali. Il ministro Marianna Madia ha annunciato l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri che prevede il pagamento in busta paga di 85 euro medi, che dovrebbero essere erogati da marzo. Il rinnovo riguarderà 250mila dipendenti ministeriali, Inps, Inail e Agenzie fiscali. A febbraio 2018 invece arriveranno gli arretrati del 2016 e del 2017 che variano da un minimo di 370 euro a 720 euro lordi.

Leggi anche: Pensioni: in aumento gli importi medi dei nuovi assegni previdenziali

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana, Servizi pubblici