Pensioni: in aumento gli importi medi dei nuovi assegni previdenziali

Importo pensioni in aumento secondo l'Inps, la media è di 1.039 euro ma per chi?

di , pubblicato il
Importo pensioni in aumento secondo l'Inps, la media è di 1.039 euro ma per chi?

L’Inps rivela che gli importi medi delle nuove pensioni erogate nel 2017 sono in aumento. Il valore medio è pari a 1.039 euro. I pensionati che hanno avuto un trattamento previdenziale migliore sono gli ex lavoratori dipendenti, ai quali è stato destinato in media un assegno mensile da 1.293 euro. Al secondo posto gli artigiani, la cui pensione in media è di 1.009 euro. I meno “fortunati” sono gli ex lavoratori parasubordinati, la cui pensione ammonta in media a poco più di 220 euro. Complessivamente, l’aumento fatto registrare rispetto al 2016 è intorno al 7 per cento, percentuale che in concreto corrisponde ad un rialzo medio delle pensioni di 69 euro al mese.

Crescono gli assegni sociali

Stando ai numeri offerti dall’ultimo monitoraggio dell’Inps, nel 2017 sono cresciuti del 17,7 per cento gli assegni sociali, passati dai 36.740 del 2016 ai 43.249 dello scorso anno. L’assegno sociale è indirizzato agli over 65, che si trovano in evidenti difficoltà economiche. Tra i requisiti per riceverlo, figura un reddito annuo inferiore ai 5.824,91 euro. L’importo di quest’anno dell’assegno sociale è aumentato per effetto del rialzo delle pensioni, passando da 448 a 453 euro. In un anno, all’incirca 60 euro in più nelle tasche del cittadino.

Ocse: allarme spread per le pensioni

In aumento le pensioni da oltre 3.000 euro

Se da una parte sono in aumento gli assegni sociali, dall’altra crescono anche le pensioni di importo superiore ai 3.000 euro, il cui saldo rispetto al 2016 fa segnare un sorprendente +25 per cento. Diminuiscono invece le pensioni con importo inferiore ai 500 euro, passando da 47 a 40 mila. Cresce anche l’età media in cui si va in pensione. Nel 2017 i lavoratori dipendenti hanno lasciato il proprio posto di lavoro in media a 66 anni e 7 mesi, 3 mesi più tardi rispetto al 2016.

Ugualmente coloro che hanno scelto di lasciare il posto accedendo alla pensione anticipata (60 anni e 8 mesi, contro i 60 anni e 5 mesi dell’anno prima).

Leggi anche: Pensioni minime e reddito a 1.000 euro, flat tax: 3 proposte economiche di Berlusconi

Pensioni e invalidità, cambiano le prestazioni, le novità INPS 2018

Argomenti: , ,