Negozi aperti/chiusi la domenica e i festivi:”a rischio 10% dei fatturati e 400mila posti di lavoro”

Aperture dei negozi la domenica e i festivi: la proposta del sottosegretario allo Sviluppo Davide Crippa del M5s continua a far parlare.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Aperture dei negozi la domenica e i festivi: la proposta del sottosegretario allo Sviluppo Davide Crippa del M5s continua a far parlare.

La proposta di legge sulle aperture/chiusure dei negozi di domenica e durante i festivi, presentata dal sottosegretario allo Sviluppo Davide Crippa del M5s, ha causato non poche polemiche in merito alla perdita di fatturato e posti di lavoro. Secondo la proposta di legge le aperture straordinarie non potranno superare i 12 giorni all’anno, saranno permessi turni a rotazione come per le farmacie e i Comuni dovranno rispettare la regola di un negozio aperto su quattro dello stesso settore merceologico ad esclusione di quelli inerenti il turismo.

Si temono perdite importanti

Non sono così mancate le prime opinioni contrarie, come ha anche affermato il presidente di Confimprese, Mario Resca “Le aziende saranno costrette a licenziare, l’intero comparto perderà 400mila posti di lavoro e il 10% del fatturato. Questo significherebbe perdere il 15% della forza lavoro in un Paese che ha un tasso di disoccupazione dell’11%, con un Pil in forte rallentamento nel secondo trimestre e un futuro delle famiglie molto incerto”. La preoccupazione è anche per le città turistiche del Belpaese che potranno tenere o meno i negozi aperti; i turisti che arrivano in Italia così troverebbero le serrande abbassate. A tal proposito il presidente fa notare: “Quali sono i criteri per stabilire le città a vocazione turistica? Il nostro Paese è tutto una meta turistica e noi, oltre che i posti di lavoro, vogliamo perdere anche i servizi e i consumi? Gli acquisti non sono di necessità ma di impulso, la gente consuma se ne ha l’opportunità, ma se i negozi sono chiusi rinuncia e non compra”.

Il confronto con alcuni paesi europei che vale la pena analizzare

Secondo i dati di Federdistribuzione, invece, il 65% dei consumatori è favorevole alle aperture domenicali e festive, sopratutto perchè queste avrebbero permesso di assumere più di 4mila persone e distribuire 400 milioni di euro di salari addizionali. Interessante anche il confronto che Adnkronos fa con gli altri paesi europei in cui si nota come in Italia non ci sono restrizioni di orari le domeniche e i festivi mentre in Germania, ad esempio, durante i festivi aprono solo una serie di categorie di negozi, in Francia i negozi restano chiusi meno che gli alimentari che possono aprire fino alle 13, in Olanda ugualmente restano chiusi a meno di deroghe, in Belgio chi decide di restare aperto la domenica o i festivi ha poi un giorno di chiusura infrasettimanale mentre in Spagna le aperture sono regolate dalle regioni e permesse dalle 10 alle 16. Quello dei negozi aperti la domenica rischia di restare un dilemma aperto dove a incanalare le opinioni potrebbero essere sopratutto fattori di comodità per chi sta dall’altra parte.

Leggi anche: Lavoro nei giorni festivi, si torna indietro di 10 anni: la proposta del M5S

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia

I commenti sono chiusi.