Lavoro nei giorni festivi, si torna indietro di 10 anni: la proposta del M5S

La riforma studiata dal Movimento 5 Stelle sul lavoro alla domenica non riguarderà le località turistiche.

di Chiara Lanari, pubblicato il
La riforma studiata dal Movimento 5 Stelle sul lavoro alla domenica non riguarderà le località turistiche.

Luigi Di Maio aveva promesso un cambio di rotta repentino sul lavoro durante i giorni festivi, in particolare alla domenica e nelle festività più importanti, quali Natale e Pasqua. L’obiettivo è di cancellare quanto introdotto dal governo tecnico Monti, il quale liberalizzò di fatto la materia. La proposta del M5S è già in Parlamento, pronta per essere discussa. Porta la firma di Davide Crippa, attuale sottosegretario del ministero dello Sviluppo economico, di cui è a capo Luigi Di Maio, che ricalca quanto già chiesto negli anni precedenti da un altro parlamento del Movimento 5 Stelle, l’onorevole Michele Dell’Orco, che oggi riveste il ruolo di sottosegretario al ministero delle Infrastrutture.

Cosa dice la proposta di legge

Se la proposta di legge del deputato Crippa (M5S) dovesse andare in porto, nei giorni festivi in ogni Comune non vi potranno essere aperti più del 25 per cento dei negozi per ciascun settore merceologico. Per fare un esempio concreto, se in una stessa città vi sono Unieuro, Mediaworld, Trony e Euronics, nei giorni festivi potrà essere aperto soltanto uno (25 per cento) dei quattro negozi di elettronica di consumo ed elettrodomestici. La riforma studiata dal Movimento 5 Stelle sul lavoro alla domenica e, più in generale, nei giorni festivi, non riguarderà invece le località turistiche, come già previsto tra le altre cose prima del decreto Monti sulle liberalizzazioni.

Novità anche per l’e-commerce

Il testo della proposta di legge presentata dal Movimento 5 Stelle tramite la figura del deputato Davide Crippa prevede delle interessanti novità anche sul fronte dell’e-commerce. Gli acquisti online potranno essere completati ancora durante i giorni festivi, come avviene adesso. Ciò che cambierà sarà la data di elaborazione dell’ordine. Se, ad esempio, ordino un prodotto su Amazon la domenica, l’ordine sarà elaborato soltanto a partire dal giorno successivo, lunedì, giorno feriale.

Leggi anche: Lavoro nei festivi e di domenica addio? Di Maio si impegna per il popolo degli “invisibili”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana