Mini flat tax: perché essere Partita Iva adesso conviene davvero

Con la nuova mini flat tax essere Partita Iva sarà più conveniente sopratutto per chi ha una start up.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Con la nuova mini flat tax essere Partita Iva sarà più conveniente sopratutto per chi ha una start up.

Il governo M5S e Lega si appresta a varare la mini flat tax, provvedimento sottoscritto da entrambe le forze politiche e che – come facilmente intuibile – deriva dalla più corposa flat tax, per la quale non ci sarebbero soldi a sufficienza (se si prendono in considerazione le altre misure che l’esecutivo è chiamato ad introdurre nella Legge di Stabilità per il 2019, tra cui reddito di cittadinanza e quota 100). Prima di giurare davanti al presidente della Repubblica, l’attuale premier Giuseppe Conte aveva dichiarato che avrebbe dato vita al governo del cambiamento. A giudicare dai nuovi scenari per chi ha una Partita Iva nel nostro Paese a seguito dell’approvazione della mini flat tax, le dichiarazioni del premier Conte sembrerebbero trovare un concreto riscontro nella realtà dei fatti. Non mancano però le polemiche.

Perché potrebbe essere più conveniente

Giuliano Mandolesi, noto commercialista, in un approfondimento elaborato per il portale Startmag ha sottolineato come con la nuova mini flat tax essere Partita Iva sarà più conveniente che avere un contratto come lavoratore dipendente. Ancora meglio se si ha una start up. Prendendo come punto di riferimento un guadagno annuale pari a 100 mila euro, il carico fiscale per i possessori di Partita Iva ammonterebbe a un totale di 11.700 euro. Una cifra ben più contenuta rispetto a quella che un lavoratore dipendente si vede sottratta dal proprio datore di lavoro, somma pari a 36.170 euro a cui si devono poi aggiungere anche addizionali comunali e regionali, come spiega il commercialista Mandolesi.

Differenziazione relativa al carico fiscale

Dai calcoli proposti dal professionista, con l’avvento della mini flat tax si arriverebbe ad una netta differenziazione relativa al carico fiscale per gli imprenditori e per chi è assunto con un normale contratto di lavoro dipendente. Il rischio è che si vengano a creare forti disparità tra chi ha una Partita Iva e chi è lavoratore dipendente. Senza contare poi il carico fiscale agevolato per le start up, che nei primi 5 anni possono contare su un’aliquota unica al 5 per cento (per le Partita Iva è al 15 per cento, indipendentemente però dal fattore temporale).

Leggi anche: Bonus 80 euro sacrificato sull’altare di Iva e flat tax? Sì, anzi no

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana