Mercato immobiliare, nel 2020 boom di richieste dagli under 30

Boom di richieste nel 2020 per il mercato immobiliare da parte di under 30.

di , pubblicato il
Mercato immobiliare

Risale a pochi giorni l’impegno di Mario Draghi ad aiutare i più giovani nell’acquisto della prima casa, estendendo la garanzia statale dal 50 al 100 per cento. Di fatto, le uniche spese da sostenere sarebbero quelle del notaio e dell’eventuale agenzia. A tal proposito abbiamo parlato di autentica rivoluzione nel mercato immobiliare, in quanto mai prima d’ora lo Stato si era impegnato in questo modo a favore dei più giovani.

Aumento delle richieste di case per i giovani che hanno meno di 30 anni

E che l’Italia non sia solo un Paese di “bamboccioni”, memori della celebre frase dell’allora ministro dell’Economia Padoa-Schioppa, lo dimostra anche il dato registrato da Fiaip, la federazione italiana degli agenti immobiliari professionali, che vanta più di 45 mila operatori del settore, secondo cui nel 2020 c’è stato un aumento delle richieste da parte degli under 30 pari al 20 per cento rispetto all’anno precedente.

Mercato immobiliare: cosa c’è dietro il boom di richieste degli under 30

Nell’articolo di Repubblica si fa riferimento alla stessa indagine condotta da Fiaip, mettendo però in luce una realtà diversa da quella che potrebbe apparire in un primo momento. Infatti, l’aumento di richieste da parte degli under 30 sarebbe un fenomeno molto limitato, circoscritto alle famiglie che godono di risparmi cospicui, accresciuti ancora durante l’anno della pandemia. Fiaip fa notare infatti come nella maggior parte dei casi siano i genitori a pagare l’immobile ai loro figli, con quest’ultimi ancora alle prese con le prime esperienze in ambito lavorativo.

Molti sapranno che il primo lavoro significa quasi sempre una retribuzione nettamente inferiore rispetto a quella di chi vanta un’esperienza di diversi anni alle spalle.

A questo riguardo, può essere utile ricordare come nell’86 per cento dei casi le banche erogano un mutuo a chi ha un posto fisso, senza contare anche l’80 per cento delle richieste di accensione di un mutuo arrivino da lavoratori assunti con un contratto full time a tempo indeterminato.

Vedi anche: Mercato immobiliare e fuga dalle città per ripopolare i borghi montani

Mercato immobiliare, come sono cambiati i prezzi di affitto e vendita nel 2020

[email protected]

Argomenti: ,