La Germania 'esporta' i suoi vecchi malati nelle case di cura dei paesi a basso costo

Il modello dello stato sociale europeo a pezzi: da giovani si sfruttano e da vecchi si delocalizzano

Ricevi Notizie su Investireoggi.
Condividi su:
Ricevi sul MobileLoading
Carmen Gallus, curatrice Dall'Estero

German pensioners 010

Pensionati tedeschi a Berlino. accade Sempre di più che i tedeschi anziani siano “dislocati” in sistemazioni di lunga durata presso case di cura in Europa orientale e in Asia. Foto: Sean Gallup / Getty Images The Guardian – I pensionati sono mandati nelle case di cura dell’Europa orientale e dell’Asia, respinti dall’austerità verso una ‘deportazione disumana’.   Un numero crescente di tedeschi anziani e malati sono mandati all’estero in centri di riabilitazione per cure a lungo termine a causa dell’aumento dei costi e del calo degli standard in Germania . Questo movimento, che ha visto migliaia di tedeschi in pensione sistemati nelle strutture dell’est Europa e in Asia, è stata aspramente criticata dalle organizzazioni del welfare, che l’hanno definita una “deportazione disumana”. Ma con un numero sempre maggiore di tedeschi che non possono permettersi i costi crescenti delle case di riposo, e una popolazione che invecchia, il numero di persone che ci si attende sarà inviato all’estero nei prossimi anni è solo destinato ad aumentare. Gli esperti la descrivono come una “bomba ad orologeria”. La crisi delle cure per i malati cronici in Germania – il settore della sanità soffre di mancanza di lavoratori e costi crescenti – per anni è stata mitigata dalla migrazione crescente degli europei dell’est in Germania per la cura degli anziani del paese. Ma il trasferimento delle persone anziane verso l’Europa orientale è stato visto come una nuova e disperata svolta, che indica che anche con l’immigrazione di lavoratori meno costosi, il sistema non può funzionare. La Germania ha una popolazione con il più veloce ritmo di invecchiamento del mondo, e questo andamento riguarda anche altri paesi occidentali, tra cui la Gran Bretagna, dove vi è soprattutto il timore che le misure di austerità e i costi crescenti costituiscano una possibile minaccia per gli standard di cura residenziale.   Il Sozialverband Deutschland (VDK), un servizio consultivo tedesco socio-politico, ha detto che un numero crescente di tedeschi non è in grado di sostenere i costi di una casa di riposo nel proprio paese e questo costituisce un grave “campanello di allarme”. Ha chiesto un intervento politico. “Semplicemente non possiamo permettere che coloro che hanno costruito la Germania fino a renderla ciò che è, che ci hanno dedicato tutta la vita, ora siano espulsi” ha detto il presidente di VdK, Ulrike Mascher. “E’ una cosa disumana.” I ricercatori hanno stimato che nel 2011 circa 7,146 pensionati tedeschi vivevano in case di riposo in Ungheria. Più di 3.000 stavano in case di riposo nella Repubblica Ceca, e più di 600 in Slovacchia. Ce n’è anche un numero imprecisato in Spagna, Grecia e Ucraina. Anche la Thailandia e le Filippine ne attirano un numero crescente. The Guardian ha parlato con dei pensionati tedeschi bisognosi di assistenza a lungo termine che vivono nelle strutture in Ungheria, Grecia e Thailandia, alcuni dei quali hanno detto che erano lì per scelta, perché i costi erano più bassi – in media da un terzo a due terzi in meno dei prezzi tedeschi – e perché percepivano migliori standard di cura.   Ma altri erano lì evidentemente a malincuore. The Guardian ha trovato anche una varietà di operatori del settore dell’assistenza sanitaria che stanno mettendo su o semplicemente stanno per aprire all’estero delle case dedicate alla cura dei tedeschi anziani, in quello che nel settore viene percepito chiaramente essere un mercato in crescita e altamente redditizio. Secondo il federal bureau of statistics tedesco, attualmente più di 400.000 anziani non sono in grado di permettersi una casa di cura tedesca, una cifra in crescita di circa il 5% l’anno. I motivi sono l’aumento dei costi dell’assistenza domiciliare – che in media va dai € 2,900 ai € 3,400 al mese – le pensioni stagnanti, e il fatto che le persone che invecchiano con tutta probabilità hanno sempre più bisogno di cure. Di conseguenza, le assicurazioni pubbliche o Krankenkassen che compongono il sistema di assicurazione sociale tedesca stanno apertamente discutendo di prestare i loro servizi in case di cura all’estero, secondo un modello finanziario sostenibile a lungo termine. In Asia, e nell’Europa orientale e meridionale, la retribuzione delle badanti e le altre spese come la lavanderia, la manutenzione e non meno importante i costi dei terreni e dell’edilizia, spesso sono molto più bassi. Oggi, il diritto dell’Unione europea impedisce alle assicurazioni pubbliche di firmare contratti direttamente con le strutture all’estero, ma una modifica è probabile, dal momento che i legislatori sono costretti a trovare il modo di rispondere all’invecchiamento della popolazione europea. La mancanza di una legislazione non ha fermato i pensionati o le loro famiglie dallo scegliere delle case di cura straniere, se le pensioni possono coprire i costi. Ma i critici hanno espresso delle preoccupazioni particolari per i pazienti con demenza, per il fatto che sono mandati all’estero nell’dea che non siano in grado di apprezzare la differenza. Sabine Jansen, capo della Società tedesca per l’Alzheimer, ha detto che spesso l’ambiente e il linguaggio sono di fondamentale importanza per i malati di demenza che cercano di aggrapparsi alla loro identità. “In particolare, le persone affette da demenza possono trovare difficoltà a orientarsi in una cultura completamente diversa, con un linguaggio diverso, perché vivono in gran parte nel vecchio mondo dei loro ricordi” ha detto. Con la popolazione della Germania che dovrebbe ridursi da 82 milioni a circa quasi 69 milioni entro il 2050, si prevede che uno su 15 – circa 4,7 milioni di persone – avrà bisogno di cure, ovvero il problema di fondo è solo destinato a peggiorare. Willi Zylajew, uno specialista del servizio di assistenza membro del partito conservatore dei cristiano-democratici, ha detto che sarebbe necessario prendere in considerazione le cure all’estero. “Considerando la crisi imminente, sarebbe giudizioso almeno cominciare a pensare a forme alternative di assistenza agli anziani”, ha detto. Christel Bienstein, scienziato presso l’Università di Witten / Herdecke, ha detto che molte case di cura tedesche hanno raggiunto il punto di rottura a causa di mancanza di personale, e che di conseguenza gli standard di cura sono scesi. “In media, ogni paziente riceve solo circa 53 minuti di assistenza individuale al giorno, compresa l’alimentazione” ha detto.”Spesso ci sono 40-60 residenti accuditi da un solo accompagnatore.” Arthur Frank, il proprietario di Senior Palace, che trova case di cura per i tedeschi in Slovacchia, ha detto che per questo è sbagliato dire che gli anziani sono “deportati” all’estero, come ha descritto il VdK. “Non sono deportati o espulsi”, ha detto. “Molti sono qui di loro spontanea volontà, e questi sono i risultati di delicate decisioni delle loro famiglie, che sanno che staranno meglio.” Ha detto di aver visto “un sacco di esempi di cattiva sanità” nelle case di cura tedesche, tra i 50 pensionati per i quali aveva già trovato sistemazione in Slovacchia. “C’era una donna alla quale non veniva dato quasi nulla da mangiare o da bere, e in Slovacchia hanno dovuto insegnarle di nuovo a deglutire” ha detto. I politici tedeschi hanno evitato di affrontare il problema, in gran parte a causa dei timori di una perdita di voti se le assicurazioni pubbliche tedesche finanziano un’assistenza all’estero, a danno del settore dell’assistenza interno.   Articolo originale: Germany ‘exporting’ old and sick to foreign care homes

Commenta la notizia



SULLO STESSO TEMA