Italia e Francia fuori dal G8. Nel 2030 Londra sarà più ricca di Berlino

La Gran Bretagna sarà nel 2030 la più grande economia europea, superando la Germania. E gli USA perderanno il primato mondiale, che passerà alla Cina.

di , pubblicato il
La Gran Bretagna sarà nel 2030 la più grande economia europea, superando la Germania. E gli USA perderanno il primato mondiale, che passerà alla Cina.

Secondo il Centre for Economic and Business Research, nel 2030 sarà la Gran Bretagna la più grande economia europea, scalzando dalla prima posizione la Germania. Il pil dei sudditi di Sua Maestà salirà dagli attuali 1.590 miliardi di sterline ai 2.640 miliardi. La Germania continuerà a crescere, ma a un ritmo più lento.

Queste, in sintesi, le previsioni del Cebr, per il quale una tassazione più benevola, una popolazione in crescita e l’essere rimasti fuori dall’Eurozona sarebbero i tre ingredienti del successo dell’economia britannica. Certo, non mancano i rischi nemmeno per Londra, che l’istituto ritiene siano le leggi più restrittive sull’immigrazione, i dissidi continui con la UE (nel 2015 si voterà per un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea), la possibile secessione della Scozia (anche in questo caso sarà decisivo un referendum, che si terrà nel 2014), nonché un pil troppo sospinto dai consumi interni e non dalle esportazioni.

 

Cina sorpassa USA 

Più in generale, da qui ai prossimi 15 anni, lo scenario mondiale sarà stravolto. Gli USA non saranno più la prima potenza economica del pianeta, superati dalla Cina, la Gran Bretagna sarà la seconda potenza occidentale, ma scenderà dal sesto al settimo posto, per via dell’ingresso nella top ten delle economie emergenti. L’India prenderà il posto del Giappone e si porterà in terza posizione.

La Germania, che oggi ha un pil di 2.200 miliardi di sterline e si attesta al quarto posto, avrà un pil di 2.690 miliardi di sterline, superata così dalla Gran Bretagna. E Londra dovrebbe sorpassare la Francia già nel 2018, la quale entro il 2030 sarà estromessa anche dalle prime dieci posizioni, superata dalla Turchia, a causa principalmente della sua tassazione eccessiva e da una legislazione poco favorevole agli investimenti.

Declino inesorabile anche per l’Italia, che oggi occupa l’ottavo posto in classifica, ma che tra una quindicina di anni scivolerà al quindicesimo. Il Brasile, invece, salirà dal settimo al quinto posto e il Messico entrerà nella top ten al nono posto. Infine, Nigeria, Iraq, Egitto e Filippine faranno ingresso tra le prime 30 economie del pianeta.

Certo, i valori assoluti del pil non hanno molto a che vedere con la ricchezza effettiva della popolazione. Normale, ad esempio, che la Cina abbia un pil maggiore del nostro, visto che la sua popolazione è di 1,35 miliardi di abitanti, cioè circa 22-23 volte quella italiana. 

 

Italia fuori dal G8

Tuttavia, non possiamo ignorare che se nel 2030 il G8 si dovesse tenere con gli stessi criteri che furono alla base della sua creazione alla fine degli anni Settanta, a non potere partecipare più sarebbero Italia e Francia, rispettivamente terza e seconda economia dell’Eurozona. 

 

Argomenti: