Investimenti, comprare casa nel 2020 conviene? Il confronto con oro e Btp

Risultati Osservatori di Nomisma 2009-2019: quanto valgono oggi gli immobili comprati 10 anni fa per 100 mila euro e il confronto con investimenti in beni rifugio.

di , pubblicato il
Risultati Osservatori di Nomisma 2009-2019: quanto valgono oggi gli immobili comprati  10 anni fa per 100 mila euro e il confronto con investimenti in beni rifugio.

Investire nell’acquisto di una casa nel 2020 conviene oppure no? Questa è una delle domande che si pongono numerosi risparmiatori italiani, soprattutto alla luce delle tensioni in Medio Oriente tra Stati Uniti e Iran. Il giornalista del Corriere della Sera Gino Pagliuca ha realizzato un interessante approfondimento sull’argomento, mettendo a confronto l’investimento relativo all’acquisto di un’abitazione in Italia con investimenti su oro e Btp.

Nel corso dell’articolo scopriremo se è più conveniente comprare casa nel nuovo anno oppure sono preferibili investimenti diversi.

Risultati Osservatori di Nomisma 2009-2019: quanto valgono le case acquistate 10 anni fa per 100 mila euro

Secondo quanto raccolto dagli Osservatori di Nomisma, chi dieci anni fa fece un investimento nell’acquisto di una casa da 100 mila euro e ancora abita in quell’abitazione ha ottenuto un rendimento positivo in media del 10% (prendendo in considerazione 8 delle principali città italiane). Ecco i dati:

 

  • Roma: 128.794 euro (16,1% rispetto all’inflazione)

  • Milano: 130.837 euro (18,0% rispetto all’inflazione)

  • Torino: 124.607 euro (12,4% rispetto all’inflazione)

  • Napoli: 129.084 euro (16,4% rispetto all’inflazione)

  • Bologna: 113.144 euro (2,0% rispetto all’inflazione)

  • Firenze: 117.344 euro (5,8% rispetto all’inflazione)

  • Genova: 118.987 euro (7,3% rispetto all’inflazione)

  • Palermo: 127.505 euro (15,0% rispetto all’inflazione)

 

Se in questi dieci anni (2009-2019) il proprietario della casa ha deciso di concedere l’abitazione in affitto, il discorso cambia completamente. Infatti, il trend registrato da Nomisma è negativo in tutte le 8 città italiane prese come riferimento (calcolando sempre un investimento iniziale di 100 mila euro.

 

  • Roma: 109.794 euro (-1,0% rispetto all’inflazione)

  • Milano: 115.437 euro (4,0% rispetto all’inflazione)

  • Torino: 108.407 euro (-2,2% rispetto all’inflazione)

  • Napoli: 111.684 euro (0,7% rispetto all’inflazione)

  • Bologna: 100.544 euro (-9,3% rispetto all’inflazione)

  • Firenze: 102.744 euro (-7,4% rispetto all’inflazione)

  • Genova: 102.787 euro (-7,3% rispetto all’inflazione)

  • Palermo: 109.305 euro (-1,4% rispetto all’inflazione).

 

Confronto con investimenti in beni rifugio

Si segnala il trend oltremodo positivo dell’oro, ma anche di franco svizzero e Btp. Negative invece le performance di dollaro e sterlina (investimento iniziale nel 2009 di 100.000 euro)

  • Oro: 162.297 euro (46,3% rispetto all’inflazione)

  • Franco svizzero: 136.900 euro (23,4% rispetto all’inflazione)

  • Btp: 135.100 euro (21,8% rispetto all’inflazione)

  • Bund: 124.800 euro (15,8% rispetto all’inflazione)

  • Sterlina: 105.100 euro (-5,2% rispetto all’inflazione)

  • Dollaro: 77.700 euro (-29,9% rispetto all’inflazione)

Leggi anche: Investire sulle case: consigli per chi ha un budget da 250 mila a 1 milione di euro

Affittare casa: le zone dal miglior rendimento delle città più grandi

 

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a chiara.

[email protected]

Argomenti: ,