Gioco d’azzardo in Italia: spendiamo uno stipendio a testa l’anno

Il gioco d'azzardo sale a 95 miliardi all'anno in Italia. Spendiamo 1.500 euro a testa in gratta e vinci, Lotto, Superenalotto, poker, etc. Ma un milione di giocatori è patologico.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Il gioco d'azzardo sale a 95 miliardi all'anno in Italia. Spendiamo 1.500 euro a testa in gratta e vinci, Lotto, Superenalotto, poker, etc. Ma un milione di giocatori è patologico.

Se gli italiani stringono la cinghia sui consumi, che continuano a recuperare a ritmi abbastanza lenti rispetto al crollo subito in piena crisi, non fanno certo la stessa cosa con il gioco d’azzardo, che nel 2016 ha visto salire la spesa complessiva del 7% a 95 miliardi di euro. Calcolando che la popolazione nazionale si aggira sui 60 milioni di persone, inclusi i bambini, scopriamo che nell’anno appena trascorso abbiamo speso la media di 1.500 euro a testa, pressappoco un intero stipendio solamente per scommettere sulla fortuna al gioco.

Cifre da capogiro, che diventano ancora più strabilianti, se si considera che nell’arco degli ultimi 8 anni, ovvero in piena crisi economica, il business del gioco d’azzardo è raddoppiato dai 47,5 miliardi del 2008. In pratica, più le famiglie hanno subito le ristrettezze della crisi, maggiore è stata la loro propensione a puntare sui gratta e vinci, le slot machine, il Lotto, il Supenalotto, il poker, casinò, etc., nel tentativo di imprimere una svolta alla propria esistenza.

Metà della crescita del pil sostenuta dal gioco d’azzardo

Dicevamo, numeri in crescita per il settore, tanto che nel solo 2016 abbiamo speso 7 miliardi in più dell’anno precedente, lo 0,4% del pil, la metà della crescita economica attesa. Nel complesso, di punti di pil ne abbiamo spesi quasi sei, ovvero oltre quanto lo stato investe nell’istruzione.

Ma se a contribuire alla crescita del gioco d’azzardo ci sono i nuovi games online, non da meno è stato l’anno scorso il Superenalotto, che a dispetto di chi lo inquadra nel passato, ha esitato un boom del 52% a 1,6 miliardi. Il balzo sarebbe legato alla rincorsa del 6, uscito il 27 ottobre scorso con la vincita record di 163 milioni, realizzata a Vibo Valentia.

 

 

 

 

Crescono anche giochi online, un milione di giocatori patologici

Lo stato ha incassato 10 miliardi, il 20% in più degli 8,4 dell’anno precedente. Di questi, 4,6 miliardi arrivano dalle slot machine, 1,25 miliardi dalle video-lotterie, 1,76 miliardi dal Lotto, 1,375 dal gratta e vinci, 477 milioni dal Superenalotto.

Ottime notizie anche dai giochi online, anche se in valore assoluto parliamo di cifre (ancora) apparentemente irrilevanti: il bingo online ha segnato una crescita del 7,1% a 27,3 milioni; i casinò online del 34% a 438,9 milioni; il poker online ha ceduto il 2,4%, scendendo a 69,6 milioni; il cash game arretra del 9,8% a 71,2 milioni. In totale, parliamo di un nuovo business da oltre 600 milioni.

Secondo le stime, circa 30 milioni di italiani giocano almeno una volta l’anno d’azzardo. In sé, nulla di male. Parliamo di oltre la metà della popolazione complessiva, dei terzi di quella adulta. Ripartendo, però, quei 95 miliardi sui 30 milioni di giocatori, inclusi gli occasionali, la spesa pro-capite sale a oltre 3.000 euro a testa. Un milione di noi, però, lo farebbe in maniera patologica. Ecco, allora, che diventa preoccupante, se teniamo conto di quel nucleo di giocatori incalliti, che evidentemente spendono molto, ma molto di più dei 1.500 euro di cui dicevamo in apertura dell’articolo.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia

I commenti sono chiusi.