Delusi dalla politica, arrabbiati e sempre più divi: la fotografia del Censis sull’Italia del 2018

Il 52esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, ecco la fotografia degli italiani di oggi.

di , pubblicato il
Il 52esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, ecco la fotografia degli italiani di oggi.

Il 52esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese presentato pochi giorni fa è una triste fotografia di un’Italia che stenta a ripartire. La crisi economica ha lasciato pesanti strascichi e ad oggi la ripresa sembra ancora lontana. Gli italiani vengono descritti come arrabbiati, sfiduciati, delusi dalle condizioni economiche e dalla politica. L’Italia è ancora indietro per la  sharing economy e c’è anche sfiducia nella sanità pubblica. 

Italiani arrabbiati

Il rapporto 2018 sulla situazione sociale del Paese sembra portare alla luce una situazione dove a fare da padrona è l’insicurezza e gli italiani si sentono “incapsulati in un Paese pieno di rancore e incerto nel programmare il futuro mentre in realtà ci sono ci sono lente e silenziose trasformazioni, movimenti obliqui che preparano il terreno di un nuovo modello di perseguimento del benessere e della qualità della vita”. Un quadro che, aldilà del sentore degli italiani, lascia spazio alla speranza.

In questo momento solo un italiano su 5 ha un atteggiamento positivo mentre tutti gli altri sembrano avere un atteggiamento caratterizzato da rabbia e pessimismo. Su 100 italiani ben 30 sono arrabbiati perché le cose non vengono cambiate pur andando male, 28 italiani su 100 si sentono disorientati e 21 su 100 prevedono un futuro sempre peggiore.

Per il 49,5% degli italiani i politici sono tutti uguali, un pensiero comune soprattutto tra persone con reddito basso, titolo di studio basso, giovani tra i 18 e i 34 anni e abitanti del Sud. Un clima di sfiducia che che sfocia in un pessimismo consolidato e che, come sottolinea il Censis: “gli italiani sono diventati nel quotidiano intolleranti fino alla cattiveria, la politica e le sue retoriche rincorrono, riflettono o semplicemente provano a compiacere un sovranismo che si è installato nella testa e nei comportamenti degli italiani”.

Giovani fuori dal mercato

Importante anche il capitolo dedicato ai giovani tra 15 e 34 anni, si tratta di quella fascia d’età che secondo il rapporto del Censis si trova sempre meno presente nel mondo del lavoro e in genere poco attivi. Tra il 2007 e il 2017 i giovani tra 25 e i 34 anni occupati sono scesi del 27,3%, una percentuale che fa paura e che in cifre si riflette in più di un milione di occupati in meno. Ben 237mila fanno parte della categoria sottoccupazione ossia fanno un lavoro con mansioni inferiori rispetto a quello per cui hanno studiato mentre 650.000 sono obbligati a lavorare part time. Sono scesi anche quelli che lavorano in libera professione, sei punti percentuali in meno rispetto al 2010. Impauriti, in particolare, i giovani del Sud che si spostano verso le Università del Centro e del Nord per studiare e crearsi un futuro.

Ci si sposa meno

Implacabile anche il capitolo dedicato ai matrimoni. Ci si sposa sempre meno e ci si lascia sempre di più. Dal 2006 al 2016 il numero di matrimoni è passato da 245.992 a 203.258. Calano i matrimoni religiosi mentre sono aumentati quelli civili. Tra gli under 35 diminuiscono sempre più i giovani che scelgono di sposarsi. Nella fascia d’età 25-34 anni sono risultati celibi  l’80,6% del totale e nubili il 64,9%. Ormai ci si sposa mediamente a 34,9 anni per gli uomini e i 31,9 per le donne, un fenomeno che si spiega con il ritardo generale delle persone a lasciare la casa familiare, entrare nel mondo del lavoro e di conseguenza crearsi una vita propria

Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese ha mostrato un avanzamento per quanto riguarda  la capacità di spesa delle famiglie italiane; il 31,9% del totale ha dichiarato un aumento della capacità. Interessante anche la parte dedicata al mondo digitale e internet. Si legge infatti che: “il 78,4% degli italiani utilizza internet, il 73,8% gli smartphone con connessioni mobili e il 72,5% i social network. Nel caso dei giovani (14-29 anni) le percentuali salgono rispettivamente al 90,2%, all’86,3% e all’85,1%”.

Gli italiani si sentono sempre più divi e sembra di vivere in una società senza miti. Basti pensare che sono stati spesi 23,7 miliardi di euro per smartphone e servizi telefonici e che secondo il 30,2% la popolarità sui social sia un ingrediente fondamentale per poter essere una celebrità.

Leggi anche: Un italiano su quattro a rischio povertà: la triste mappa dell’Istat in cifre

Argomenti: ,