Booking bacchettata dalla Ue: ‘annunci ingannevoli nelle prenotazioni’

Booking bastonata dalla Ue per messaggi ingannevoli nelle prenotazioni. Che cosa cambierà dal 2020.

di , pubblicato il
Booking bastonata dalla Ue per messaggi ingannevoli nelle prenotazioni. Che cosa cambierà dal 2020.

La Commissione europea ha bastonato Booking.com, la nota piattaforma usata per prenotare hotel e alloggi in tutto il mondo. Nel mirino, in particolare, è finito il noto slogan “Prenota subito, è l’ultima camera disponibile” usato da molti siti di prenotazione di hotel per spingere il cliente ad effettuare la prenotazione.

Secondo l’Ue, però, la maggior parte di questi annunci sarebbero manipolatori. Vediamo perché.

Booking dovrà proporre offerte reali

Il 20 dicembre la Commissione ha bacchettato Booking e ora il colosso olandese ha firmato un accordo che la costringerà a proporre offerte reali a partire da giugno 2020. L’indagine dell’Ue è andata avanti per un anno e ha analizzato tutte quelle frasi scritte nel portale in cui si faceva riferimento a ultime camere disponibili ad un dato prezzo oppure suite scontate. In realtà poi, come ha fatto sapere la Commissione, l’ultima camera non spariva davvero e le stanze di lusso scontatissime erano semplicemente quotate secondo il periodo di riferimento. Dopo che la Commissione Ue ha seguito per molti mesi il sistema usato dalla piattaforma, è arrivata la decisione che obbliga Booking entro il 16 giugno 2020 a proporre offerte veritiere.

Nuove regole dall’estate 2020

Da quella data, insomma, Booking dovrà rendere chiaro a tutti gli utenti che, ad esempio, la frase “ultima camera disponibile!” si riferisce esclusivamente all’offerta presente sulla piattaforma e non in genere. Booking dovrà poi evitare di presentare offerte a tempo limitato se poi lo stesso prezzo sarà ancora presente una volta terminata l’offerta. Booking dovrà anche rendere chiaro quando un confronto dei prezzi dipende da circostanze diverse e non da uno sconto specifico, dovrà anche garantire che i prezzi presentati come sconto rappresentino davvero un risparmio per i clienti. Come scrive Business Insider poi Booking dovrà anche “Visualizzare il prezzo totale che i consumatori dovranno pagare in modo chiaro e rilevante”.

Queste modifiche dovranno essere operative entro luglio 2020 come ha sottolineato Didier Reynders, Commissario europeo alla giustizia e ai consumatori: “In quanto leader del mercato, è vitale che società come Booking.com si assumano le proprie responsabilità assicurando che non ci siano tecniche manipolatorie dietro i sistemi di prenotazione, come fare pressione sugli utenti oppure presentare in modo sbagliato gli sconti”.

Leggi anche: Riciclare i Regali di Natale: ecco perché conviene e quanto valgono

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: , ,