Bollette luce e gas, Draghi aiuta i soliti e per tutti gli altri i rincari restano

Rincari per bollette di luce e gas disattivati per i titolari di reddito e pensione di cittadinanza. Briciole per gli altri utenti.

di , pubblicato il
Rincari bollette luce e gas

Alla fine, la montagna ha partorito il topolino. Almeno per la gran parte degli utenti italiani. Giovedì scorso, il Consiglio dei ministri si è riunito per cercare di affrontare il tema spinoso dei maxi-rincari per le bollette di luce e gas. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, li ha stimati nel 40%. A disposizione 3 miliardi di euro. In buona sostanza, il governo Draghi ha deciso di disattivare i rincari per gli oltre 3 milioni di persone che già beneficiano del bonus energia. Si tratta dei nuclei familiari con Isee fino a 8.625 euro o con Isee fino a 20.000 euro e con almeno 4 figli, percettori di reddito o pensione di cittadinanza o, infine, in gravi condizioni di salute.

Inoltre, saranno azzerate le aliquote sugli oneri generali di sistema per 6 milioni di piccolissime e piccole imprese, così come anche per 26 milioni di utenti domestici fino a 16,5 kw. Quanto al gas, i 2,5 milioni di utenti che già beneficiano del bonus sociale gas non risentiranno sostanzialmente dei rincari, mentre per tutti gli altri l’IVA sarà abbassata al 5% dal 10% o 22% attuale, a seconda del consumo (sotto/sopra 480 metri cubi all’anno).

Rincari bollette luce e gas solo per la classe media

Nel dettaglio, gli interventi relativi ai bonus luce e gas costeranno 450 milioni, mentre il taglio agli oneri di sistema 1,2 miliardi, a cui il governo aggiunge altri 800 milioni. L’ipotesi di abbassare o azzerare l’IVA su tutte le bollette di luce e gas non ha trovato accoglimento nel governo. Sarebbe stata una soluzione costosa e probabilmente anche respinta dall’Unione Europea. Fatto sta che per l’ennesima volta gli italiani vengono suddivisi in due macro-categorie: i percettori di sussidi, che continueranno a beneficiare di ulteriori vantaggi economici, e il resto della popolazione.

Le famiglie con redditi da lavoro, spesso appena sufficienti al sostentamento, non trovano orecchie attente tra i politici. In Italia, lavorare è diventato un problema. Per quanto sia ragionevole e comprensibile aiutare le fasce più deboli della popolazione, non sembra più accettabile addossarne i costi a quanti mandano avanti l’economia e consentono allo stato di distribuire ricchezza. Con quest’ultima mossa, il governo “dei migliori” ha quasi rimarcato come i rincari delle bollette di luce e gas siano del tutto accettabili per i lavoratori dipendenti e autonomi, non per i percettori di sussidi. Insomma, i sacrificabili sono e restano i soliti noti. La classe media è definitivamente diventata una mucca da mungere per ragioni di clientelismo spicciolo.

[email protected] 

 

 

Argomenti: ,