Bollette luce e gas: calano le tariffe, quanto costano in meno ora

Secondo una simulazione di Facile.it le tariffe per le bollette sono scese negli ultimi mesi.

di , pubblicato il
Secondo una simulazione di Facile.it le tariffe per le bollette sono scese negli ultimi mesi.

La pandemia di coronavirus e il lockdown hanno favorito il taglio delle tariffe delle bollette di luce e gas. Grazie alla riduzione del costo delle materie prima i prezzi del mercato libero sono calate rispettivamente del 7,2 per cento per l’energia elettrica e del 10 per cento per il gas. 

Bollette luce e gas, tariffe in calo 

Secondo una simulazione di Facile.it basata sulle tariffe proposte da 5 compagnie del mercato libero durante i due mesi di lockdown, da marzo a maggio, le tariffe sono scese del 7,2 per cento per le bollette della luce con punte del 14 per cento ma si sono notati anche degli aumenti del 6 per cento per le tariffe proposte da 5 società. Le bollette del gas invece sono sono risultate comunque in calo mediamente tra il -1% e il -18%. I dati riguardano il mercato libero, quello non tutelato da Arera che già durante il mese di marzo aveva annunciato che i costi delle bollette di luce e gas sarebbero scesi del 13,5% per il gas e 18,3% per la luce. Silvia Rossi, responsabile del settore Energia di Facile.it, ha poi spiegato che se i costi si sono ridotti sono in aumento i consumi delle famiglie che costrette a rimanere a casa hanno usato maggiormente dispositivi ed elettrodomestici che alzano la bolletta. In sostanza non tutti avranno notato o noteranno una fattura più bassa se a parità di taglio delle tariffe si sono alzati i consumi delle famiglie. 

In ogni caso il calo delle tariffe per le bollette luce e gas è senz’altro una buona notizia se si considera che in questi ultimi due o tre mesi sono aumentati i prezzi di molti prodotti di uso comune a partire dalla spesa alimentare e fino ai rincari abbinati alla ormai nota tassa covid, applicata agli scontrini di parrucchieri e bar in alcuni casi.

  

I consigli di SOStariffe.it

Per aiutare il cliente ad evitare costi delle bollette gonfiate, SOStariffe.it aveva proposto dei suggerimenti che spaziano dal controllo dei consumi fatturati ai termini di prescrizione. In particolare si consiglia di controllare se quanto indicato in fattura è effettivamente uguale a quanto riporta il contatore. Se durante l’autolettura ci si accorge che i dati non corrispondono basta contattare la compagnia per farsi mandare una nuova fattura esatta e con i dati effettivi. 

Leggi anche: Bollette luce, acqua e gas: la prescrizione scende a 2 anni ed arriva un nuovo strumento per risparmiare

[email protected]

 

Argomenti: ,