Nuove chiusure per variante Delta e inflazione, i due temi oggi al centro della riunione BCE

Il board presieduto da Christine Lagarde dovrà barcamenarsi tra due scenari opposti ed entrambi negativi per l'economia europea.

di , pubblicato il
Riunione BCE

Si tiene oggi la riunione della BCE, sulla quale si addensano grandi attese negli ultimi giorni, a seguito degli eventi che stanno riguardando l’Eurozona. L’istituto sarà chiamato, anzitutto, a spiegare il nuovo target d’inflazione. E’ stato ridefinito al 2% dal precedente “vicino, ma di poco inferiore al 2%”. L’aspetto più interessante riguarda la sua natura “simmetrica”, vale a dire che Francoforte tollererà tassi d’inflazione più alti del 2%, nel caso in cui in precedenza questi fossero stati inferiori a tale soglia.

Questa riunione della BCE cade in un momento particolare, ambiguo per l’economia dell’Eurozona. Da un lato, il principale rischio è costituito dallo spettro delle richiusure a causa del dilagare dei contagi con la variante Delta. Il Covid torna a fare paura e i governi stanno già imponendo alcune restrizioni per frenare i nuovi casi, a distanza di poche settimane dal loro allentamento. L’impatto sulla ripresa potrebbe essere notevole. La stagione turistica alimenta buona parte del PIL nel Sud Europa e il calo delle prenotazioni e il boom delle disdette lasciano supporre che si sia trattato di una falsa ripartenza questa estate.

Riunione BCE con vista a settembre

Per contro, l’inflazione è tornata ad alzare la testa. A giugno, è scesa leggermente dal 2% all’1,9%, restando nei pressi del target. Proprio l’allentamento delle restrizioni anti-Covid lascia supporre che i prezzi al consumo, specie relativi ai servizi, continuino a lievitare. E malgrado la ridefinizione del target d’inflazione, la BCE non potrebbe continuare a ignorare a lungo uno scenario inflazionistico.

C’è da scommettere che “falchi” e “colombe” oggi si confronteranno con argomentazioni altrettanto valide. Rischi al ribasso e al rialzo per la crescita dell’area sono entrambi possibili.

Per il momento, ciò dovrebbe spingere la riunione della BCE a rinviare ogni decisione ai prossimi incontri. Fino a settembre, l’istituto si è impegnato a mantenere invariati i ritmi con cui settimanalmente acquista obbligazioni con il PEPP. Dopodiché arriverebbe una prima revisione. E non è detto che ciò avvenga già al prossimo board del 9 settembre. Ci sarà probabilmente da attendere l’esito delle prossime elezioni federali in Germania, in programma per il 26 settembre.

Per il momento, la buona notizia per l’Italia è che nessun rialzo dei tassi sia stato ipotizzato, così come che gli acquisti di BTp resteranno invariati per un altro paio di mesi e verosimilmente saranno ridotti non drasticamente nei mesi successivi. Già si parla persino di estendere ulteriormente il PEPP a dopo marzo e/o di potenziare il “quantitative easing”. Insomma, la BCE resta espansiva anche nel medio termine.

[email protected] 

 

Argomenti: ,