Amazon sfida H&M, Zara e altri: una nuova linea di moda ‘democratica’ e che arriva a casa in 1 ora

La sfida di Amazon nel mondo della moda: lanciata una sua propria collezione, punta tutto su prezzi bassi e una distribuzione che funziona alla perfezione.

di , pubblicato il
La sfida di Amazon nel mondo della moda: lanciata una sua propria collezione, punta tutto su prezzi bassi e una distribuzione che funziona alla perfezione.

Amazon non si ferma più: il portale di e-commerce più utilizzato al mondo e che vanta un sistema di distribuzione praticamente perfetto ha deciso di entrare all’interno del mondo della moda e di lanciare la sua sfida sia ai portali come Zalando, sia alle catene di moda ‘economiche’ come H&M e Zara. Si tratta di una vera e propria collezione di 500 capi e la prima vera sfilata si è tenuta a Londra il 16 settembre: la collezione è stata prodotta in collaborazione con Nicopanda. Il vero e proprio segno particolare riguarda il concetto di ‘fast fashion’: i capi ordinati arrivano in 1 ora grazie al servizio Prime Now, il più veloce di Amazon (al momento attivo su Milano e i comuni dell’hinterland).

Sempre sul colosso dell’e-commerce – Amazon rivoluziona il mercato alimentare: ecco come faremo la spesa e perché negli USA è già guerra.

La strategia di Amazon: la ‘moda’, un settore da conquistare

Amazon intende ricoprire ogni ambito di mercato. La semiologa Giulia Cerani spiega: “Fa parte della strategia globale di Amazon diventare un player universale, un sommo collettore che aggrega e screma l’offerta, ha tutto e può offrire tutto, dal cavolfiore alla scarpa con il tacco” e per quanto concerne Amazon Moda “si tratta di un segmento fashion poco avanzato ma con accessibilità molto forte. Anche riguardo alla comunicazione rispetto a siti come a Vestiare Collective possiamo dire che non c’è storytelling, è una comunicazione da catalogo e la pubblicità non è davvero il massimo, mentre il design è rappresentazione della medietà più assoluta, un femminile di serie b”. Dal momento che si tratta di conquistare una fascia di mercato quanto più ampia è possibile, l’offerta, dal punto di vista dello ‘stile’, non è granché: un gusto medio basato su tendenze annacquate; la forza è data dall’accessibilità, dalla velocità e dalla distribuzione.

Il racconto – La storia di Jeff Bezos: da castratore di tori a fondatore di Amazon – ecco il secondo uomo più ricco al mondo.

Fast fashion come fast food: la rivoluzione di Amazon Moda

Difficile ancora immaginare l’impatto che, nel tempo, potrà avere Amazon Moda. È chiaro che, comunque, si inserisce in un segmento medio-basso, ma che ha dalla sua la comodità e la velocità. Si parla di fast fashion (moda veloce) proprio come si parla di fast food: se hai bisogno di un vestito in tempi brevissimi, ecco che Amazon Moda te lo consegna in appena 1 ora. Velocità, dunque, ma, sempre continuando con il paragone dei fast food, anche capi d’abbigliamento più economici. Si tratta, insomma, di una moda democratica e alla portata di tutti: H&M e Zara, ad esempio, danno ancora l’idea che si sta acquistando un capo di ‘moda’ e di ‘tendenza’, nonostante i prezzi bassi, mentre Amazon Moda presenta capi buoni per tutti gli usi.

Il mercato, insomma, tenderà a spaccarsi in due: da un lato capi d’abbigliamento sempre più raffinati (e costosi) per piccole élite, e dall’altro collezioni democratiche sempre più economiche per tutti.

Argomenti: , , , ,