Amazon Go arriva in Europa: come funzionerà il negozio senza casse (e gli interrogativi sui posti di lavoro)

Amazon Go dovrebbe debuttare anche a Londra: ecco come funzionano i noti supermercati automatizzati.

di , pubblicato il
Amazon Go dovrebbe debuttare anche a Londra: ecco come funzionano i noti supermercati automatizzati.

Si parla ormai da mesi di Amazon Go, il noto supermercato senza casse di Amazon che potrebbe rivoluzionare il settore sia dal punto di vista tecnologico che per i posti di lavoro. Negli Usa è già realtà mentre in Europa dovrebbe debuttare a Londra, secondo quanto scrive il Sunday Telegraph. Il colosso americano starebbe cercano uno spazio tra i 300 e i 500 metri nella zona di Oxford Circus per aprire il supermercato senza casse.

Come funzionerà il sistema

Che Amazon starebbe puntando fortemente a questi negozi automatizzati è abbastanza chiaro visto che, soltanto qualche mese fa, aveva annunciato l’intenzione di aprirne circa 2mila negli Usa ed espandersi poi anche in Europa. In realtà, almeno per ora, negli Stati Uniti ne sono stati aperti soltanto 7 tra Seattle, San Francisco, Washington e Chicago dove ce ne sono 3. Addirittura il punto vendita di Seattle era stato per molto tempo utilizzato soltanto dai dipendenti, probabilmente per testare il mercato, e soltanto da qualche mese è aperto al pubblico al contrario di quelli di Chicago e San Francisco.

Come funzionerà Amazon Go in Europa è abbastanza semplice. Come già anticipato in altri articoli, i clienti non dovranno passare alla cassa una volta terminato l’acquisto. La prima cosa da fare è scaricare l’app dedicata, si entra nel negozio e si scansiona un codice Qr tramite l’app, poi si va verso gli scaffali e si sceglie il prodotto desiderato. In seguito si esce senza dover fare nessuna fila ma semplicemente passando attraverso i tornelli elettronici e il conto da pagare finirà direttamente nell’app, usando appunto il conto Amazon.  

Il sistema è intelligente e funziona davvero. Ogni singolo movimento dell’acquirente viene registrato dai sensori presenti all’interno del negozio. Se il cliente prende un oggetto ma poi lo rimette nello scaffale, le telecamere e i sistemi presenti registrano il movimento e addebiteranno soltanto quello effettivamente preso tutto ciò grazie al machine learning. Il compito del cliente, insomma, è soltanto avere con sè l’app e scansionare il codice una volta entrato nel negozio, poi saranno i sistemi a fare tutto il resto.

I punti interrogativi sui posti di lavoro e le abitudini d’acquisto

Se da un lato la trovata è certamente geniale perché permette di fare acquisti veloci e senza file o perdite di tempo, dall’altro lato sono stati posti dei dubbi sui posti di lavoro e i dati che Amazon riesce a carpire tramite questo sistema. Nel primo caso, essendo appunto un negozio senza casse, non ci sono cassieri e questo significa che questa figura viene bistrattata dal colosso togliendo l’opportunità di lavorare a qualche individuo. C’è però anche da dire che Amazon non ha ancora progettato un sistema automatico per la fornitura dei prodotti sugli scaffali, quindi almeno per questo compito il lavoro umano sembra necessario. C’è anche il discorso legato ai sensori puntati addosso che secondo gli esperti servirebbero anche al colosso per avere informazioni sulle abitudini di spesa e sugli interessi degli utenti.

Leggi anche: Amazon Go negli aeroporti: l’ultima pensata di Jeff Bezos per un mercato da 300 miliardi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,