Rendimento minimo e protezione totale: spunto con equity protection di Banca Imi

Se il tuo obiettivo è di proteggere il capitale accostando anche un rendimento minimo questo fa al caso tuo.

di , pubblicato il
Se il tuo obiettivo è di proteggere il capitale accostando anche un rendimento minimo questo fa al caso tuo.

Data la flessibilità dei certificati, spiegata nel precedente articolo, anche per gli investitori meno esperti è possibile mettere in piedi strategie d’investimento che più si confanno ai propri obiettivi. Se l’obiettivo è quello di proteggere il capitale c’è l’apposita classe dei certificati a capitale protetto; se poi si vuole andare oltre e cercare anche di accostare la percezione di un rendimento minimo è comunque possibile “pescare” opportunità d’investimento su certificati che quotano sotto la pari (ossia al di sotto del valore nominale, in altre parole il valore di rimborso).

Oggi abbiamo quindi selezionato un certificato che può raggiungere questo scopo.

Equity protection di Banca Imi: ISIN XS2073803939

Il certificato selezionato ha come sottostante EURO iSTOXX ESG Leaders 50 NR Decrement 5%, indice che replica la performance della versione Net Return dell’indice EURO STOXX ESG Leaders 50 ipotizzando al contempo un ribasso dei dividendi costante. Nel corso di un anno, il 5% della performance dell’indice sottostante viene gradualmente sottratto in base alla corrispondente frazione giornaliera dell’anno corrente

Il certificato è emesso da Banca Imi e quotato su Euro TLX, ha durata residua a circa 5 anni e 11 mesi (14/12/2026), fixing finale dato dalla media giornaliera dei valori di chiusura del 7-8-9-10/12/2026,  protezione del capitale al 100% del valore nominale di a 1000 Euro.

Lo strike -o valore iniziale- è stato fissato a 1070,95 (che corrisponde anche al livello di protezione), e la quotazione attuale dell’ Euro Stoxx Select Dividend 30 è a circa 1.080 (ore 10:50). Se il valore del sottostante salisse, a scadenza il certificato beneficerebbe anche del potenziale rialzo del sottostante rispetto lo strike, tuttavia mitigato da un fattore di partecipazione al 65%. Ciò significa che a scadenza si otterrà un importo corrispondente al valore massimo fra:

1) 1000 euro

2) ed un valore calcolato nel seguente modo:

{Max [Percentuale Iniziale x Valore di Riferimento Iniziale; (Valore di Riferimento Iniziale + Fattore di Partecipazione x (Valore di Riferimento Finale – Valore di Riferimento Iniziale))] x Multiplo}

[Strike+ Fattore di Partecipazione x  (Valore Finale – Strike)] x Multiplo=

=[Valore Nominale + Fattore di Partecipazione x [(Valore Finale/Strike)-1] x valore nominale}

Dove: Multiplo = valore nominale / strike

Alle ore 10:46 sul sito Banca Imi il prezzo lettera del certificato è 962,85 euro (con dati ritardati di almeno 20 minuti) mentre sulla piattaforma CedLab è pari a 962,90, implicando un rendimento minimo garantito a scadenza del  3,86% o  rispettivamente del 3,85% a seconda del prezzo preso a riferimento.

A scadenza, ed in base alle quotazioni attuali del sottostante prese da cedlab (1.076,90), se l’indice rimanesse invariato il certificato elargirebbe un rendimento del 4,23%, un rialzo del 10% porterebbe ad un gain dell’11,02%, una salita del 20% determinerebbe un +17,80%, un +30% del sottostante implicherebbe un +24,59% del certificato e un +50% porterebbe ad un +38,17%.

Situazione grafica

Nota Bene: il trading può comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. 

 

Argomenti:

I commenti sono chiusi.