Certificati Unicredit: come investire su settore assicurativo con un Memory Cash Collect Worst Of

Certificati Unicredit. Qui si spiega come investire su settore assicurativo indirettamente, ossia con un Memory Cash Collect Worst Of

di , pubblicato il

Fra l’ampio ventaglio offerto dai certificati Unicredit, un certificate Memory Cash Collect Worst Of merita attenzione. Questo dà infatti la possibilità di prendere indirettamente posizione su un paniere di titoli mediante un investimento di danaro relativamente limitato (taglio nominale da 1000 euro).

In tal modo ci si investe indirettamente perché, con un impiego di denaro limitato (taglio nominale da 1000 Euro), è possibile investire su 3 sottostanti.

In tal caso prendiamo a riferimento un paniere di titoli avente ad oggetto il settore assicurativo europeo, ovvero rientranti nel più ampio ambiente finanziario.

I sottostanti sono rappresentati da: Allianz, Assicurazioni Generali e Axa.

Certificati Unicredit Memory Cash Collect Worst of: introduzione quantitativa al portafoglio sottostante

  1. I titoli presentano sicuramente una correlazione positiva e ciò conferisce maggiori probabilità che l’insieme dei sottostanti fluttui potenzialmente nella stessa direzione durante la vita del certificato. Questi presentano infatti un generale andamento laterale, rendendoli perfetti per la costruzione di un memory cash collect.
  2. La volatilità implicita è mediamente contenuta nel complesso (si veda, però, il VIX e il VSTOXX). Di norma, tuttavia, il titolo assicurativo, investendo in strumenti finanziari (principalmente strumenti del mercato monetario) con relativo grado di rischio generalmente più basso rispetto a quelli in cui potrebbero investire le sezioni investment banking delle banche, sono conseguentemente percepiti meno rischiosi di un titolo bancario. Ciò influisce sicuramente sull’entità delle cedole, che saranno quindi relativamente più basse rispetto ad un certificato con un sottostante più volatile.
  3. Anche se la volatilità implicita è mediamente contenuta, data l’elevato grado di esposizione a titoli a reddito fisso (principalmente obbligazioni e strumenti del mercato monetario), questi sottostanti seguono l’andamento del ciclo economico (che fra i macro-fattori, risente dell’andamento dell’inflazione). Se si guarda il grafico di Assicurazioni Generali o di Axa in particolare è proprio possibile vedere come le stesse abbiano raggiunto dei picchi di prezzo massimo in corrispondenza proprio in corrispondenza dell’abbassamento dei tassi

Certificati Unicredit Memory Cash Collect Worst of: punti salienti in sintesi, come investire su settore assicurativo

  • Barriera europea sul capitale al 60% dei valori iniziali
  • Trigger cedole al 60% dei valori iniziali
  • Cedole mensili condizionate dello 0,44% (max 5,28% annuo) con effetto memoria
  • Autocall trigger – che permette di ricevere il rimborso anticipato- osservabile in sole 4 date (21.02.2024, 21.05.2024, 21.08.2024, 21.11.2024) e decrescente a step del 5% ad ogni data: dal 100% all’80% dei valori iniziali
  • Prezzo lettera rilevato sulla pagina del sito a circa 961,14 Euro – chiusura del 15.03.2022 –

Certificati Unicredit Memory Cash Collect Worst of: funzionamento del payoff, come investire su settore assicurativo

Questo prodotto, della categoria certificati di investimento conosciuti come Memory Cash Collect, è stato emesso da Unicredit il 28.02.2022, ha data di valutazione finale posta al 21.02.2025 (scadenza/liquidazione 28.02.2025), è negoziato su EuroTLX ed ha un valore nominale di 1000 Euro.

Il Certificato Unicredit in questione paga cedole mensili di 4,4 Euro se ogni sottostante non scende oltre il trigger delle cedole, posto al 60% dei valori iniziali; in caso contrario non viene corrisposta alcuna cedola, che però viene immagazzinata in memoria e pagata assieme a tutte quelle eventualmente non pagate in precedenza quando si presenta la condizione del pagamento, ovvero quando tutti i sottostanti risalgono sopra il trigger in una delle date di valutazione successive.

Inoltre il meccanismo Autocall permette di ottenere il rimborso anticipato, grazie all’autocall trigger, osservando l’autocall solo in 4 date (vedi sopra) ed in modo decrescente: se il prezzo di ogni sottostante è pari o superiore all’autocall trigger il certificato rimborsa il valore nominale più la cedola del mese in questione (e quelle eventualmente non pagate in precedenza grazie all’effetto memoria); in caso contrario la vita del prodotto continua.

A scadenza, se il prodotto non si è estinto anticipatamente, si prefigurano 2 scenari:

  • se ogni sottostante non scende la barriera – della stessa entità del trigger cedolare – il certificato paga il nominale più l’ultima cedola (e quelle eventualmente non pagate in precedenza grazie all’effetto memoria, in tutto 36 cedole);
  • in caso contrario il certificato replica linearmente la performance del sottostante peggiore (ossia con valore peggiore rispetto a quello iniziale, anche detto Worst Of, WO), pagando un valore pari al valore nominale del certificato per la performance (data dal valore finale in rapporto al valore iniziale) del suddetto sottostante

Da notare la presenza della barriera europea: grazie a tale caratteristica il valore dei sottostanti può anche fluttuare sotto barriera durante la vita del certificato senza compromettere la protezione del capitale. Affinché venga restituito il valore nominale il valore dei sottostanti deve risultare sopra la barriera solo alla data di valutazione finale.

Da notare anche la presenza dell‘opzione quanto: nonostante i titoli su cui è scritto il certificato siano denominati in USD, il prodotto rimborsa sempre importi in Euro, non lasciando l’investitore esposto a variazioni (favorevoli o sfavorevoli) del cambio EUR/USD.

Il tutto è quindi contornato da un relativo buon livello di protezione condizionata sul capitale investito, trovando però il limite sull’entità delle cedole e, ovviamente, la scadenza si protrae a 3 anni.

Certificati Unicredit Memory Cash Collect Worst of: i sottostanti con commento sulla componente lineare

La situazione attuale sui sottostanti di questo Certificato la seguente:

  • Assicurazioni Generali: valore iniziale (17,89 Eur), Barriera/trigger cedola (10,734 Eur), ultimo prezzo registrato (chiusura al 01.02.2022 a 17,91 Eur, pari al 100,11% del valore iniziale)
  • Allianz: valore iniziale (207,45 Eur), Barriera/trigger cedola (124,47 Eur), ultimo prezzo registrato (chiusura al 01.02.2022 a 208,90 Eur, pari al 100,70% del valore iniziale)
  • Axa: valore iniziale (24,77 Eur), Barriera/trigger cedole (14,862 Eur), ultimo prezzo registrato (chiusura al 01.02.2022 a 25,07 Eur, pari al 101,21% del valore iniziale)

NB: Assicurazioni Generali è il WO e il suo valore attuale è praticamente uguale al valore iniziale mentre il fatto che il prezzo lettera sia inferiore a 1001,1 Euro (attualmente a 961,14 Euro) implica che il certificato quoti con un piccolo sconto sulla componente lineare.

Codice ISIN del prodotto

Cliccandovi sopra verrete rimandati alla pagina del prodotto.

Nota Bene: il trading e l’attività d’investimento in generale possono comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. Gli scenari di mercato cambiano continuamente e le performance passate non rappresentano garanzia delle performance future. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria personalizzata -e nemmeno generica-  in base ai profili di rischio e rendimento degli investitori. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. Né l’autore né Investire Oggi saranno responsabili nei confronti di nessun utente né di qualsivoglia altra persona o entità per l’inesattezza delle informazioni o per qualsiasi errore od omissione nei suoi contenuti, a prescindere della causa di tali inesattezze, errori od omissioni.
Argomenti: , , , ,