Virus che ruba password arriva anche in Italia, ecco come riconoscerlo

Anche l'Italia sotto l'attacco del malware che ruba le password dai nostri dispositivi. Ecco come riconoscerli ed evitare il peggio.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Anche l'Italia sotto l'attacco del malware che ruba le password dai nostri dispositivi. Ecco come riconoscerli ed evitare il peggio.

Anche l’Italia finisce nel mirino degli hacker criminali che vogliono rubare i nostri risparmi. Ecco il malware che sta spaventando tutti con una mail che finge di volerci aiutare e invece si insinua nel nostro pc e non ne esce più.

Malware attacca l’Italia, il virus ruba le password

La lotta alla criminalità si sposta dal mondo fisico a quello informatico, del resto con la moneta che si è lentamente trasferita dal contante delle banche alle piattaforme di home banking, era abbastanza prevedibile che prima o poi i ladri avrebbero tentato di bussare ai nostri server per accaparrarsi le nostre password. Si chiama Ursnif ed è stato scoperto dai ricercatori CSE, CybSec Enterprise i quali ci svelano anche importanti informazioni su come realmente funziona questo pericoloso virus, ma sopratutto ci dicono come difenderci dal pericolo di rimanere infettati e quindi vulnerabili e a rischio di perdere tutti i nostri risparmi sul conto.

Potrebbe interessarti anche: Facebook registra le nostre ricerche, ecco come impedirglielo

Tutto nasce da una mail che ci arriva via posta elettronica. Tale mail ha in allegato un documento Word che richiede l’abilitazione di una serie di comandi che permettono la visualizzazione dello stesso. Una volta abilitato ne veniamo infettati. A nulla servirà riavviare il pc, poiché questo virus è stato progettato proprio per resistere anche a questo, praticamente si metterà in funzione ogni volta che accenderete il computer. Il documento Word che finge di essere stato creato con una versione precedente di Microsoft Office e invita l’utente ad abilitare le funzioni per essere letto.

Cosa possiamo fare per evitare il malware? Gli esperti accorrono in nostro aiuto. Naturalmente, la cosa più semplice da fare è quella di non attivare le funzioni richieste per leggere l’allegato e contattare poi un esperto. Riconoscere il malware sembra anche abbastanza semplice, poiché è scritto in un italiano scorretto e presenta appunto questo allegato sospetto che sostiene di essere una versione precedente di Word. Non fatevi ingannare e tenetelo alla larga dal vostro pc.

Potrebbe interessarti anche: Apple blocca gli iPhone e ci protegge… dalle forze dell’ordine

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie, Sicurezza

I commenti sono chiusi.