Motorola RAZR, smartphone pieghevole con design a conchiglia

Ultimi rumors Motorola RAZR, lo smartphone pieghevole made in USA.

di , pubblicato il
Ultimi rumors Motorola RAZR, lo smartphone pieghevole made in USA.

Anche Motorola è da tempo a lavoro su uno smartphone pieghevole, stiamo parlando del Motorola RAZR, un device ricco di interessanti caratteristiche e dotato appunto della speciale qualità della flessibilità. Ma nonostante se ne parli da tempo, ancora si attende il lancio sul mercato.

Motorola RAZR, scheda tecnica

Sono mesi ormai che si attende il lancio sul mercato di questo device, un po’ come per il Galaxy Fold di Samsung, anche questo RAZR dell’azienda statunitense ha fatto perdere le sue tracce. Ricapitoliamo, comunque, quelle che sono le caratteristiche dello smartphone pieghevole. Il device, com’è ovvio che sia, non avrà la tastiera fisica, ma dovrebbe conservare il design a conchiglia del suo antenato. Per il display OLED flessibile si prevede una diagonale di 6,2 pollici e una risoluzione di 2142×876 pixel.

La cosa interessante, è che Motorola vorrebbe offrire un prodotto più popolare, a differenza dei Galaxy Fold e Mate X che sono invece smartphone pieghevoli di fascia alta, esclusivamente elitari. Con questo intento naturalmente, il device deve avere caratteristiche decisamente più contenute. Si prevedono infatti un processore octa core Snapdragon 710, 4 o 6 GB di RAM e 64/128 GB di storage. La batteria dovrebbe avere una capacità di 2.730 mAh, decisamente piccolina.

Abbiamo visto che la componente hardware sarà sostanzialmente più modesta dei prodotti rivali, ma nonostante ciò il prezzo di lancio del dispositivo dovrebbe essere intorno ai 1500 euro. 500 euro in meno dei competitor non sono certo male, ma il costo rimane comunque elitario. Insomma, il progetto di Motorola rischia di scontentare entrambe le fasce di pubblico. Del resto per avere prezzi più popolari su questo tipo di dispositivi, sarà necessario attendere almeno un paio di anni dall’uscita dei primi esemplari.

Potrebbe interessarti anche: Google Assistant ci prova con il Fantacalcio, tante dritte per gli appassionati

Argomenti: ,