App IO, richiesta obbligatoria di login ogni 30 giorni, ecco perché

Perché ogni 30 giorni è richiesto il login sull'app IO.

di , pubblicato il
Perché ogni 30 giorni è richiesto il login sull'app IO.

Si torna a parlare di IO, l’app che permette di effettuare diverse operazioni relative a funzioni statali, come il pagamento di bollette e le richieste di bonus e cashback. Ma come mai è necessario rifare il login nonostante sia stata salvata la nostra password?

IO, nuovo login

La sicurezza non è mai troppa, per accedere all’app IO è necessario essere provvisto di SPID, poi inserire password, o sensore biometrico per lo sblocco con le impronte digitali. Procedura questa che comunque è velocissima da fare, abbinata poi al codice di sblocco che invece può essere memorizzato dallo smartphone al pari della password, una volta cliccato sull’icona dell’app.

A quanto pare però di recente gli utenti hanno notato che, nonostante avessero più volte effettuato gli accessi nei giorni precedenti senza problemi, ora improvvisamente era ricomparsa la richiesta di effettuare il login nella sua interezza. Come mai? La risposta ci viene offerta da un tweet di IO stesso: “I tuoi dati su #IOapp sono connessi alla tua identità digitale. Per garantire la tua sicurezza, IO ti chiederà un nuovo login tramite SPID o CIE ogni 30 giorni, indipendentemente dall’ultima volta in cui hai aperto l’app con il codice di sblocco o biometrico”.

E dunque IO stesso che chiede, per motivi di sicurezza, ogni 30 giorni di rifare il login come fosse la prima volta. Ciò significa che ogni mese circa quindi si dovrà riperde l’intera procedura di accesso come fosse la prima volta, anche se avete salvato tutti i passaggi nell’intelligenza dello smartphone. Si tratta di un piccolo fastidio che però ripaga in termini di sicurezza, visto che questo passaggio rende infatti sicura la protezione del vostro account, qualora doveste smarrire lo smartphone e finisse nelle mani di malintenzionati.

Potrebbe interessarti anche Patch sicurezza gennaio 2021 per smartphone Android, ecco quelli che fanno upgrade

Argomenti: ,