Valanghe di truffe online contro Poste Italiane: Postepay e BancoPosta ‘sotto attacco’

Nel mirino dei cybercriminali ancora una volta i possessori di carta Postepay e BancoPosta: valanghe di SMS ed email che rubano le credenziali.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Nel mirino dei cybercriminali ancora una volta i possessori di carta Postepay e BancoPosta: valanghe di SMS ed email che rubano le credenziali.

Il nostro sito è da sempre in prima linea nella segnalazione di truffe online: questa volta parliamo di una di quelle più diffuse anche in passato, ma che negli ultimi giorni è ri-esplosa nuovamente. Si tratta di un classico tentativo di phishing a danno dei clienti di Poste Italiane, soprattutto possessori di Postepay e BancoPosta, i quali si trovano a ricevere un messaggio SMS o un’email che, con varie forme di comunicazione, spinge l’ignaro cliente a cliccare su un link. A quel punto, re-indirizzato verso un sito del tutto simile a quello di Poste Italiane, il cliente inserisce il proprio username e password, consegnandoli di fatto all’hacker, che provvederà in pochissimo tempo a prosciugare il conto.

Frodi online contro clienti Postepay e BancoPosta di Poste Italiane 

L’allerta per questa nuova valanga di frodi online a danno dei clienti di Poste Italiane arriva ancora una volta dalla pagina Facebook della Polizia Postale: “Commissariato di PS On Line – Italia”. Il messaggio che sta giungendo a molteplici clienti è il seguente: ‘Poste-Pay: per motivi di sicurezza, la tua carta è stata limitata. Esegui subito la verifica dei tuoi dati’. A conclusione del messaggio si trova poi il famigerato link sul quale occorre cliccare per effettuare la ‘verifica’. E così il gioco è fatto e i rischi sono davvero importanti. La tecnica è quella di creare ‘tensione’ – perché è stata limitata la mia Postepay – in maniera tale che, sull’onda dell’emozione, il truffato clicca immediatamente sul link. Da sottolineare è che spesso gli hacker non sono italiani e questi SMS contengono molti errori: ad esempio, in questo di cui stiamo discutendo, in realtà la parolina ‘è’ è scritta senza accento.

La Polizia Postale raccomanda quanto segue: se proprio si ritiene di dover effettuare una verifica e in ogni caso, non bisogna mai cliccare sui link proposti, ma recarsi nella propria area personale dal browser e recandosi sul sito dell’istituto bancario o postale oggetto del messaggio.

Leggete anche: Truffe online, è la volta di BNL: in pericolo i conti, ma la banca offre servizi antifrode.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Carta PostePay, Conto corrente, Truffe

I commenti sono chiusi.