Lidl vende Monsieur Cuisine a 1,99 euro per disputa legale: la nuova truffa corre su Facebook

Attenzione torna la truffa su Facebook che recita quanto segue: Lidl vende Monsieur Cuisine a 1,99 euro per disputa legale. Non cliccare sul link e non compilare il modulo.

di , pubblicato il
truffa lidl

Torna la truffa ai danni di Lidl via Facebook. Stavolta viene comunicato quanto segue: Lidl vende Monsieur Cuisine a 1,99 euro per disputa legale. Purtroppo questa bufala non è nuova e sta circolando nuovamente in rete in forma un poco diversa. È la stessa Lidl a comunicare sulla sua pagina ufficiale Facebook di prestare la massima attenzione a questo ennesimo tentativo di truffa. Ecco maggiori dettagli e come proteggersi.

Lid non vende Monsieur Cuisine a 1,99 euro per disputa legale: è una truffa

L’annuncio che sta girando su Facebook riguardante il robot da cucina Monsieur Cuisine a 1,99 euro è una truffa. Attenzione quindi a non cadere in trappola. Non bisogna assolutamente cliccare sul link e mai compilare il modulo inserendo i propri dati personali. Basta infatti inserire pochi dati affinché i truffatori possono accedere a dati sensibili come quelli della carta di credito. Purtroppo sulla pagina Facebook di Lidl c’è chi comunica di essere rimasto vittima della nuova truffa. Una signora comunica ad esempio di essersi ritrovata un abbonamento di 50 euro al mese a seguito dell’inserimento dei dati del conto. Un’altra comunica che non solo le hanno tolto soldi dalla carta ma l’hanno registrata anche in un sito per incontri. Purtroppo anche stavolta molte persone ci sono cascate e stanno bloccando le carte per evitare gli addebiti.

Il robot di cucina di Lid costa circa 400 euro per cui è impossibile che possa essere venduto ad una simile cifra. Si parla molto del Monsieur Cuisine perché in Spagna è stato ritirato in quanto l’azienda che lo fabbrica è stata accusata di plagio dalla Vorverk che produce il Bimby. Lidl in ogni caso invita tutti a non cadere nell’ennesimo tranello e comunica che le sue offerte sono sempre visibili o sulla pagina web ufficiale o sui canali social sempre ufficiali.

Leggi anche: Postepay, pagamenti non autorizzati e addebiti: ecco cosa sta succedendo e come difendersi

La truffa del pacco postale miete molte vittime: attenzione agli SMS dei corrieri
[email protected]

Argomenti: ,