Impianto Fotovoltaico: ecco tutte le info sui vantaggi, svantaggi, prezzo, ricavi e caratteristiche

Ecco tutte le info sui vantaggi, svantaggi, prezzo, ricavi e caratteristiche dell'impianto fotovoltaico.

di , pubblicato il
Ecco tutte le info sui vantaggi, svantaggi, prezzo, ricavi e caratteristiche dell'impianto fotovoltaico.

L’impianto fotovoltaico è un’installazione grazie alla quale si riesce ad ottenere l’energia elettrica utilizzando la luce del sole. Ecco allora tutte le info a riguardo, i vantaggi, gli svantaggi, i costi da sostenere, i ricavi e la funzionalità in caso di avverse condizioni metereologiche.

Impianto fotovoltaico: caratteristiche

L’impianto fotovoltaico è un’installazione che sfrutta la luce del sole per generare la corrente elettrica tramite l’effetto fotovoltaico. Tale installazione è formata da varie componenti ma le due essenziali sono i pannelli fotovoltaici che catturano l’energia e la trasformano in energia elettrica e l’inverter che si occupa di convertire la corrente prodotta dai pannelli. Eistono due tipi di inverter: c’è quello Grid Connected che viene utilizzato per controllare la tensione e la frequenza della corrente alternata in uscita e lo Stand Alone che serve a convertire la corrente continua accumulata nelle batterie dai pannelli fotovoltaici.

Vantaggi e svantaggi iniziali impianto fotovoltaico

Tra i vantaggi principali dell’impianto fotovoltaico vi è sicuramente quello ambientale in quanto non si utilizzano combustibili fossili, l’affidabilità, la lunga durata e la possibilità di modificare la potenza dell’impianto quando si vuole.  Gli svantaggi dell’impianto fotovoltaico sono invece i costi iniziali ed il rendimento che non è uguale nell’arco dell’anno. In inverno, infatti, le ore di luce sono inferiori a quelle dell’estate.

Impianto fotovoltaico in casa: prezzo

Il prezzo di un impianto fotovoltaico si aggira solitamente intorno ai 12mila euro. Ogni pannello solare infatti costa intorno ai 1500 euro a KW più l’IVA per cui un impianto di 3KW (necessario per un’abitazione) si va a spendere circa 4500 euro. Inoltre a tale costo si dovrà aggiungere quello del convertitore ovvero l’inverter che costa all’incirca 1500 euro e tutte le altre strutture di supporto nonché l’installazione e la progettazione.

Ricordiamo che sarà possibile installare un impianto fotovoltaico nella propria abitazione soltanto se essa avrà lo spazio necessario per i vari moduli fotovoltaici. Inoltre per fruire al meglio dell’impianto esso dovrà essere collocato in spazi che non presentano ombre in modo tale da non avere ostacoli per l’irraggiamento solare ed inoltre essi dovranno essere orientati verso sud-est – sud-ovest.

Dove installare un impianto fotovoltaico? Nel condominio lo si può fare?

L’impianto fotovoltaico potrà essere montato a terra, sulla facciata della casa, sul tetto fissato con un telaio, integrato nel tetto, sul terrazzo o sul balcone. Per quanto concerne il condominio se quest’ultimo sarà il soggetto responsabile dell’impianto allora l’impianto potrà essere installato nelle parte comuni in modo tale da produrre energia per tutti i condomini. Se invece sarà solo una parte dei condomini a volerlo, allora essi dovranno ricevere l’autorizzazione all’unanimità.

Impianto fotovoltaico: costo e ricavo

Solitamente nei costi di gestione dell’impianto fotovoltaico vi è anche l’assicurazione che sia aggira intorno ai 50 euro per Kw annui e quelli inerenti alla pulizia e alla manutenzione dei pannelli, spesa che si aggira intorno ai 150 euro.

Tra i ricavi principali dell’impianto fotovoltaico vi è sicuramente il pagamento ridotto della bolletta. Ricordiamo infatti che installando un pannello fotovoltaico, per vent’anni grazie al Conto Energia, ogni kWh prodotto verrà pagato dal gestore elettrico per cui quello che si dovrà pagare in bolletta sarà la differenza tra l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico e quella consumata effettivamente.

Impianto fotovoltaico: funziona in caso di cattive condizioni del tempo?

L’impianto fotovoltaico è stato progettato per catturare le radiazioni del sole anche quando il cielo è coperto o quando c’è pioggia. Ovviamente, in questo caso, l’irraggiamento sarà minore per cui si dovrà prelevare la corrente elettrica del proprio gestore di energia. Per quanto concerne le nevicate, invece, prima dell’installazione, il tetto verrà sottoposto a delle verifiche per accertare che la struttura regga in caso di peso maggiore. Così come per le cattive condizioni del tempo,però, l’irraggiamento risulterà minore. Per altri consigli su come risparmiare, leggete anche: come risparmiare acqua in casa, consigli per evitare gli sprechi e evitare salassi in bolletta.

Argomenti: