Furto del cellulare: le 3 cose da fare immediatamente

Se siete vittima del furto del cellulare, ecco le tre cose da fare immediatamente.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Se siete vittima del furto del cellulare, ecco le tre cose da fare immediatamente.

Se siete vittima di furto del cellulare, la prima cosa da fare è bloccare al SIM e cancellare i dati sensibili. Queste operazioni si possono fare online ma fin dall’acquisto dello smartphone bisogna eseguire delle opzioni.

Ogni dispositivo è abbinato ad un codice IMEI formato da 15 cifre (si trova nella confezione di vendita), che permettere di bloccare la linea e di identificare e bloccare l’apparecchio in caso di smarrimento o di furto. La prima cosa da fare, è quella di segnarsi questo codice da qualche parte, il codice è recuperabile digitando sulla tastiera del telefono *#06#.

Le cose da fare sono 3:

  • la prima è bloccare la SIM;
  • la seconda è la denuncia alle forze dell’ordine;
  • e la terza è rintracciare il proprio telefono quando è possibile.

Furto dello smartphone: come bloccarlo

Nel momento in cui ci si accorge di aver subito il furto del cellulare, bisogna informare subito l’operatore telefonico per bloccare la Sim, in modo tale che i ladri non abbiano la possibilità né di utilizzare il credito residuo, né di ricevere telefonate o messaggi dai nostri contatti, né di accedere ai dati salvati sulla propria scheda (immagini, rubrica, sms o whatsapp, ecc.).

Dopo aver bloccato la Sim con l’operatore telefonico, conviene fare una denuncia di furto alle forze dell’ordine. Spesso viene chiesta per procedere al blocco a distanza del dispositivo, purtroppo, non sempre è possibile rintracciare il telefonino dopo il furto, il ladro può spegne il dispositivo o disattivare la connessione dati.

Per ovviare a questo basta effettuare alcuni accorgimenti di sicurezza prima che venga rubato. Tutto dipende dai vari sistemi operativi, vediamo in che modo è possibile:

Furto dello smartphone Android, come rintracciarlo

Per localizzare un cellulare smarrito o rubato è necessario aver attivato dopo l’acquisto la funzione dedicata. Nel caso di dispositivi Android, conviene attivare Google Device manager accedendo alla sezione Sicurezza e attivando la voce Consenti blocco da remoto e resetta. In questo modo sarà possibile, in caso di emergenza, bloccare il telefono ed effettuare un wipe a distanza per cancellare tutto ciò che è stato salvato nella memoria dello smartphone.

Questo sistema però, non permettere di localizzare il cellulare se il ladro l’ha spento. Ma ci sono delle app che consentono di rintracciare il cellulare tramite il computer.

Una delle migliori app è Anti Theft, che utilizza la localizzazione Gps ed altri metodi di triangolazione. Accedendo al sito di Avast, si può verificare dov’è il cellulare, attivare una sirena personalizzabile e cancellare la memoria attraverso un Sms inviato dal cellulare di un amico o direttamente dal sito.

C’è anche l’app Cerberus, dal cui sito  è possibile comandare il proprio smartphone.

Furto di un iPhone, come rintracciarlo

Apple offre qualche possibilità in più per rintracciare l’iPhone rubato. Sul cellulare deve essere stata abilitata precedentemente la funzione “Trova il mio iPhone”.

Furto di un Windows Phone, come rintracciarlo

Anche chi possiede un Windows Phone può utilizzare il servizio “Trova il mio telefono” in caso di furto per rintracciare, bloccare e comandare lo smartphone da un altro dispositivo. La condizione per rintracciare il cellulare è che deve essere acceso e connesso alla rete.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tutela consumatori, Curiosità