Conto corrente, buoni fruttiferi postali, libretto di risparmio e investimenti: info imposta di bollo

Ecco le info sull'imposta di bollo su conto corrente, buoni fruttiferi postali, libretto di risparmio e investimenti.

di , pubblicato il
Ecco le info sull'imposta di bollo su conto corrente, buoni fruttiferi postali, libretto di risparmio e investimenti.

L’imposta di bollo è una piccola tassa patrimoniale che colpisce i risparmi e gli investimenti. Essa si applica sui conti corrente, sui libretti di risparmio ma anche sui buoni fruttiferi postali e su altri investimenti ed è a carico del contribuente. Di fatto, però, è l’Istituto di Credito che la paga e si occupa di tutti gli adempimenti burocratici. Il singolo contribuente non deve fare assolutamente nulla.

Conto corrente e libretto di risparmio: l’imposta di bollo

L’imposta di bollo per coloro che hanno un conto corrente o un libretto di risparmio, come chiarisce l’Agenzia delle Entrate, è di 34,20 euro all’anno per le persone fisiche e 100 euro all’anno per le aziende. L’imposta, però, non si deve pagare se la giacenza media del libretto o del conto corrente è inferiore a 5.000 euro. Attenzione, però, vengono sommati tutti i rapporti che si hanno con il medesimo Istituto. Se, ad esempio, si ha un conto corrente con giacenza media di 2.600 euro ed un altro con giacenza media di 2.500 euro, allora l’imposta si pagherà perché il totale sarà di 5.100 euro.

Per calcolare la giacenza, si dovranno sommare i saldi giornalieri del conto, dividere poi per il numero dei giorni di detenzione del rapporto o rendicontazione ed infine calcolare la giacenza di ogni rapporto per la propria quota (ad esempio se c’è un cointestatario). L’imposta sul conto corrente non verrà applicata nel caso in cui gli estratti ed i libretti intestati ai cittadini non superino i 5.000 euro, gli estratti e i libretti intestati ai cittadini siano in rosso e quindi pari a zero, in caso di Isee 2019 inferiore ai 7.500 euro e infine se i conti di pagamento si abbiano presso Istituti che emettono moneta elettronica (carte di pagamento) purché essi non siano conti corrente.

Imposta di bollo bfp e investimenti

Anche sui buoni fruttiferi postali si paga l’imposta di bollo purché essi nel totale siano superiori a 5.000 euro. Sotto tale cifra non si pagherà nulla. L’imposta è dello 0,2% e la metodologia di applicazione prevede un meccanismo di determinazione della stessa al 31 dicembre di ogni anno. Poste comunica che, ai fini dell’esenzione da imposta di bollo, verranno considerati unitariamente tutti i titoli con la medesima intestazione tranne quelli emessi in forma cartacea prima del 1° gennaio 2009. Ciò significa che se si avrà un buono da 2100 euro ed un buono tra 3.000 euro intestati alla stessa persona, l’imposta si dovrà pagare.

L’imposta di bollo sui conti titoli, infine, sarà pari al 0,20% all’anno del controvalore di mercato dei prodotti finanziari dei quali si dispone. Ogni anno, infatti, la Banca valorizzerà il dossier e calcolerà l’imposta moltiplicandone il valore corrente per lo 0,20%. Sui prodotti finanziari, comunque, l’imposta di bollo si determinerà sempre anche se gli investimenti saranno in perdita.

Leggete anche: Bonifico in contanti senza conto corrente: ecco come fare con Poste Italiane e le Banche.

Argomenti: , ,