Bollette luce e gas: conguaglio elevato? Ecco cosa fare

Se vi arrivano bollette elevate a causa del conguaglio dei consumi effettuati: ecco cosa bisogna fare.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Se vi arrivano bollette elevate a causa del conguaglio dei consumi effettuati: ecco cosa bisogna fare.

Se avete ricevuto una bolletta con un conguaglio elevato, la prima cosa da fare è leggere attentamente la bolletta, vedere se ci sono degli errori di fatturazioni, ad esempio consumi errati o consumi già pagati ad un altro fornitore.

Vediamo che cos’è un conguaglio in bolletta luce e gas?

Il conguaglio che ci viene addebitato in bolletta luce e gas, è l’importo dovuto quando i volumi consumati sono superiori a quelli fatturati. Viene calcolato una differenza tra i volumi consumati e quelli fatturati , tra l’importo totale dovuto e quello già pagato. Il conguaglio può riguardare un arco temporale vasto perché non tutti i contatori dell’energia elettrica sono tele gestiti, cioè, non sono con autolettura automatica dal Distributore. Con i contatori del gas, il Distributore deve effettuare la  lettura:

  • almeno una volta l’anno per i clienti con consumi fino a 500 Smc/anno (stimati al metro cubo all’anno);
  • almeno 2 volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 500 Smc/anno e fino a 1.500 Smc/anno;
  • almeno 3 volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 1.500 Smc/anno e fino a 5.000 Smc/anno;
  • almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5.000 Smc/anno.

In un conguaglio generalmente sono presenti consumi non fatturati sulle precedenti fatture. Cioè il fornitore, sulle fatture piuttosto che riportare come da regola gli effettivi consumi, li riporta in stima, e questa che generalmente genera un conguaglio sui consumi, cosa fastidiosa e complicata  per il contribuente che  deve mettersi a fare il controllo con i consumi precedentemente fatturati.

Ecco cosa fare se la vostra bolletta luce e gas contiene un conguaglio errato

Se avete controllato la vostra bolletta e ci sono errori di fatturazione, dovere inviare un reclamo scritto al fornitore chiedendogli di rettificare gli importi fatturati. Il fornitore vi risponderà entro 40 giorni. L’ideale è inviare il reclamo prima della scadenza della bolletta, ma non sempre è possibile, le bollette di alcuni fornitori arrivano al contribuente già scadute.

Ecco cosa fare se la vostra bolletta luce e gas contiene un conguaglio esatto ma troppo elevato

Se avete controllato le bollette e il conguaglio è riferito ad un consumo effettivo si deve considerare:

  • quanto tempo non viene fatta lettura del contatore. Il fornitore può richiedere i consumi dovuti solo degli ultimi 5 anni perché gli altri anni sono prescritti;
  • se c’è stato un cambio di fornitore, bisogna fare una verifica della lettura di switch, il passaggio da un fornitore all’altro.

Se il conguaglio è molto elevato e dopo i dovuti controlli si tratta di consumi effettivi, potete chiedere la rateizzazione con un numero di rate da concordare con il fornitore.

Differenza tra Distributore e Fornitore

C’è sempre molta confusione tra chi è il Distributore e chi è il Fornitore. Il Distributore è il soggetto che installa il contatore, ne effettua la manutenzione e svolge l’attività di lettura. Il Fornitore è colui con cui avete stipulato il contratto aderendo a delle offerte.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Utenze domestiche

Leave a Reply