Primo green bond dell’Austria a inizio 2022, ancora dubbi sulla scadenza

L'Austria ha annunciato che nel primo trimestre dell'anno prossimo emetterà il suo primo green bond. Il Tesoro di Vienna valuta le modalità.

di , pubblicato il
Green bond Austria nel 2022

Il ministro delle Finanze dell’Austria, Gernot Blumel, ha annunciato nel corso di un’intervista che Vienna emetterà il primo green bond sovrano nel primo trimestre del 2022. E così, il paese si aggiunge agli altri stati europei, che già sono entrati a far parte di questo particolare mercato. L’Italia lo ha fatto all’inizio di quest’anno, a pochi mesi di distanza della Germania. I tedeschi hanno emesso il primo Bund “verde” nel settembre dello scorso anno. Prima ancora erano arrivati stati come Polonia, Olanda e Francia.

I green bond sono obbligazioni dal funzionamento del tutto ordinario, ma caratterizzati dalle finalità d’impiego ambientali dei capitali raccolti. L’emittente può anche decidere di fissare un meccanismo auto-punitivo per il caso di mancato raggiungimento parziale o totale degli obiettivi indicati. Come? Incrementando l’entità della cedola corrisposta agli obbligazionisti dopo una certa data.

Green bond per tamponare il deficit

Blumel ha aggiunto che restano ancora da decidere scadenza ed entità del green bond. Quest’ultima, ha spiegato, deve essere consistente, “altrimenti non avrebbe senso”. In effetti, trattandosi di uno strumento parzialmente diverso dal resto delle emissioni obbligazionarie, bisogna che sia quanto più liquido possibile. Tuttavia, Vienna deve ancora decidere anche se rendere il titolo tecnicamente “gemello” di una scadenza ordinaria.

Questa modalità è stata seguita dalla Germania proprio per tenere alta la liquidità degli scambi sin dall’inizio. In pratica, i green bond tedeschi hanno cedole e scadenze uguali a quelle di Bund ordinari e, pertanto, sul mercato secondario possono anche essere scambiati come se fossero gli stessi. Ad ogni modo, Blumel ha fatto presente che l’emissione contribuirà ad avviare la normalizzazione del bilancio austriaco dopo il Covid, con il graduale ritiro degli stimoli iniettati all’economia contro la pandemia.

Il deficit nel 2022 sarà, però, superiore al 4,3% del PIL previsto qualche mese fa, pur sotto l’8,4% stimato per quest’anno. Verosimilmente, il green bond austriaco avrà scadenza molto lunga, grazie al fatto che la curva dei tassi nel paese è molto bassa. L’Austria ha emesso già ben due titoli a 100 anni, con date di rimborso fissate rispettivamente per settembre 2117 e giugno 2120. Pur in forte risalita rispetto ai minimi toccati nel dicembre scorso, i relativi rendimenti ancora giacciono in area 0,85%, poco più di un decennale italiano.

[email protected] 

Argomenti: , , ,