Obbligazioni Goldman Sachs a 10 anni in euro a tasso misto con cedola minima garantita

Le obbligazioni emesse da Goldman Sachs in euro a dicembre e con cedola mista offrono una soluzione interessante al mercato

di , pubblicato il
Obbligazioni Goldman Sachs con cedola mista

L’anno che si è chiuso da pochi giorni ha visto sul finale l’emissione di nuove obbligazioni da parte di Goldman Sachs, la banca d’affari americana. Il bond è stato collocato sul mercato con scadenza 22 dicembre 2032 (ISIN: XS2552842150), per cui presenta una durata iniziale di 10 anni. E’ denominato in euro e quotato sul Mercato obbligazionario Telematico di Borsa Italiana. Il lotto minimo è stato fissato in 1.000 euro, ragione per cui parliamo di un investimento alla portata di ogni tasca. L’emissione è avvenuta alla pari, cioè al prezzo del 100% del valore nominale. E la cedola? Fissa al 5,50% annuo lordo (4,07% netto) per i primi tre anni, cioè fino alla data di pagamento del 22 dicembre 2025. Successivamente, diventa variabile e pari all’Euribor a 3 mesi registrato due sedute antecedenti l’inizio di ciascun periodo di godimento.

Ma c’è una peculiarità. Le obbligazioni Goldman Sachs offrono una cedola variabile che potrà muoversi all’interno di un range prestabilito.

Infatti, essa non potrà risultare inferiore al 2% lordo all’anno (1,48% netto) e non potrà superare il 5,50% lordo (4,07% netto). Se l’Euribor a 3 mesi risultasse alle date sopra indicate inferiore al 2%, l’obbligazionista riceverebbe una cedola minima garantita del 2%. Viceversa, se fosse superiore al 5,50%, la cedola gli sarebbe corrisposta nella misura del 5,50%.

Obbligazioni Goldman Sachs scommessa sui tassi

In un certo senso, queste obbligazioni Goldman Sachs offrono l’interessante opportunità di investire scommettendo sull’andamento dell’Euribor, ma senza rischiare troppo. Infatti, il tasso minimo garantito risulta congruo, così come elevato appare il tasso massimo, anche alla luce dell’andamento negli anni passati, persino quando la Banca Centrale Europea attuava una politica monetaria ortodossa. Questo significa che tendenzialmente dalla scommessa sui tassi futuri nell’Area Euro l’obbligazionista avrebbe più da guadagnare che da perdere.

Le obbligazioni Goldman Sachs comportano l’assunzione di un rischio di credito risibile. Lo rivelano i rating medio-alti assegnati dalle principali agenzie di valutazione internazionali: BBB+ per S&P, A per Fitch e A2 per Moody’s. Maggiore attenzione andrebbe prestata, invece, al rischio di liquidità. L’importo emesso è stato di appena 45 milioni di euro, per cui la banca non può garantire che si formi un mercato secondario per le negoziazioni dei titoli tra privati. Infine, il rendimento alla scadenza è dato anche dal prezzo di acquisto. Nelle sedute precedenti, le obbligazioni Goldman Sachs hanno quotato sotto la pari, fino a un minimo di 98,50 centesimi. Ciò ha consentito agli investitori interessati di comprare a sconto rispetto al valore nominale, percependo una plusvalenza certa nel caso in cui mantenessero il titolo fino alla scadenza.

 

Argomenti: ,