Green bond di Ford per la costruzione dell’auto elettrica

La casa americana Ford Motor ha collocato sul mercato un green bond da 2,5 miliardi di dollari, legato all'uscita dell'auto elettrica

di , pubblicato il
Green bond di Ford

La casa automobilistica americana Ford Motor ha emesso un green bond per il valore di 2,5 miliardi di dollari. L’operazione si è tenuto a pochi giorni di distanza dall’annuncio di riacquisto di obbligazioni proprie con alti prezzi sul mercato secondario fino a 5 miliardi. Tra queste abbiamo la scadenza aprile 2025 e cedola 9% e quella di aprile 2030 e cedola 9,625%.

Il green bond “unsecured” di Ford sarà rimborsato nel 2032 e avrà cedola 3,25%. I proventi raccolti saranno destinati a finanziare il programma aziendale da 30 miliardi entro il 2025 per la costruzione di auto elettriche, tra cui i modelli Mach-E, F-150 Lightning ed E-Transit. L’emissione è stata un record per il mercato verde americano sul piano delle dimensioni. In precedenza, il primato spettava a Walmart con 2 miliardi a settembre.

Green bond con rendimento appetibile?

Rating bassi, tuttavia, per il green bond di Ford. I giudizi sono Ba2 per Moody’s e BB+ per S&P e Fitch, rispettivamente due e un gradino sotto il livello minimo dell’area “investment grade”. In altre parole, il debito non garantito della società è considerato “spazzatura”, ossia ad alto rischio teorico. Questo spiega la cedola relativamente generosa di questi tempi, se considerate che il Treasury a 10 anni ancora offre meno dell’1,50% nelle ultime sedute.

Certo, neppure il green bond si mostra realmente allettante per il mercato a stelle e strisce. Con un tasso del 3,25%, non riesce a coprire l’inflazione USA, salita al 5,4% a settembre. Per un investitore dell’Eurozona il discorso non cambierebbe granché. Pur fronteggiando un’inflazione attualmente al 4,1%, ci sarebbe da mettere in conto anche il rischio di cambio. Coprire quest’ultimo comporta per il momento il sostenimento di un costo annuo dello 0,8%.

Dunque, il rendimento lordo effettivo scenderebbe sotto il 2,5%. A conti fatti, solamente una discesa dell’inflazione sotto tale livello renderebbe il titolo apprezzabile. E questo avverrebbe nel caso in cui il rialzo dei prezzi al consumo nell’area superasse abbondantemente il target BCE per un periodo non duraturo.

[email protected] 

Argomenti: , , , ,