MACROECONOMIA

Allfunds porta il wealth management nel fintech

Al via l'operativita' della nuova piattaforma proprietaria Api che faciliterà gli operatori professionali del risparmio gestito

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Al via l'operativita' della nuova piattaforma proprietaria Api che faciliterà gli operatori professionali del risparmio gestito

A livello mondiale il mercato del risparmio gestito è oggi ancor più caratterizzato, sul fronte degli investitori finali, dal bisogno crescente di trasparenza, immediatezza, facilità, in presenza di un’offerta di soluzioni di investimento sempre più articolata e complessa, e, sul fronte degli operatori finanziari, dalla necessità di conformarsi ad una giungla normativa di regole spesso interconnesse fra loro e fortemente impattanti sulle attività. Per entrambe le categorie, inoltre, si prospettano nuove sfide legate ad un processo di crescente digitalizzazione sempre più invasivo e via obbligata.

 

In questo scenario Allfunds – leader europeo e uno dei top player globali tra le piattaforme di distribuzione B2B di fondi di terze parti riservata agli investitori istituzionali, con oltre 325 miliardi di euro di asset intermediati e più di 550 clienti, tra cui 140 banche retail, 120 banche private, 80 compagnie assicurative, 132 società di asset management – conferma la sua vocazione a essere avanguardia dell’innovazione con l’avvio dell’operatività della nuova piattaforma proprietaria basata sulla tecnologia API.

 

Tale piattaforma, rivolta in particolare alle società di Wealth Management, consente di compiere un ulteriore passo nel processo obbligato di adozione delle tecnologie in divenire. Concepita quindi per aiutare gli operatori finanziari a sviluppare nuove strategie digitali, l’innovativa tecnologia introdotta oggi da Allfunds permette di adottare soluzioni personalizzate più coerenti con le strategie distributive che si stanno delineando con sempre più chiarezza. Tale adeguamento potrà essere realizzato dagli operatori finanziari sia aggiornando o integrando le loro attuali piattaforme digitali, che creandone di nuove, con significativi risparmi in termini di costi e di tempi, e con un considerevole miglioramento della qualità dei servizi offerti agli investitori finali, in conformità con le norme regolamentari di prossima attuazione, come la Mifid II.

 

Più in generale, la nuova tecnologia API offre un accesso più veloce, flessibile, semplice ed economico all’ampio spettro dei servizi offerti da Allfunds, che comprendono product design, sales support, soluzioni per la negoziazione, servizi di analisi e ricerca, informativa ai clienti, consentendo, ad esempio, di effettuare in tempo reale la selezione degli strumenti di investimento più adeguati, le scelte di acquisto, nonché il successivo monitoraggio di tutte le posizioni.

 

È ormai evidente che il fintech prospetti una vera e propria rivoluzione a livello globale, capace di condizionare il successo di qualsiasi operatore finanziario. Oggi i player che mirano a essere leader del proprio segmento o ad accrescere la propria quota di mercato non possono che considerare la tecnologia in chiave strategica”.  Commenta Gianluca Renzini, Deputy General Manager di Allfunds. “Per parte nostra, l’avvio dell’operatività della piattaforma API conferma la storica vocazione della nostra realtà ad essere sempre un passo avanti sul fronte dell’innovazione, e rappresenta il primo passo di un processo volto ad un ulteriore potenziamento delle capacità di Allfunds di porsi nel mondo della finanza come partner Fintech elettivo“.

 

Il mercato italiano del risparmio gestito è giustamente considerato tra i più importanti e tra i più evoluti in Europa e, benché caratterizzato da forte competitività, continua ad evidenziare elevati margini di crescita. In questo contesto la proposta innovativa di Allfunds ha trovato crescente apprezzamento, consentendoci di arrivare a numeri importanti: oltre 165 miliardi di euro in distribuzione e ben 216 clienti, tra cui 99 banche retail, 39 compagnie di assicurazione e 36 banche private”. Aggiunge Licia Megliani, Country Head Italia di Allfunds. “Questo riconoscimento ci stimola a potenziare costantemente il valore aggiunto dei nostri servizi, offrendo nuovi strumenti che diventano elementi imprescindibili in un contesto di continua evoluzione normativa, come ad esempio quella che si imporrà con Mifid II“.

 

Allfunds, in parallelo con l’avvio della sua nuova piattaforma, annuncia anche il lancio della app Telemetrics, che oggi permette alle società di asset management di accedere, via mobile e in tempo reale, a tutti i dati e le informazioni presenti sulla piattaforma di Allfunds, mettendo inoltre a disposizione nuovi servizi aggiuntivi e nuove modalità di aggregazione dei dati; ad esempio, attraverso Telemetrics sarà possibile conoscere in tempo reale l’andamento dei dati di raccolta oltre a realizzare analisi molto dettagliate, a livello di singolo prodotto, area geografica o tipologia di cliente finale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Macroeconomia

I commenti sono chiusi.