Direttori d’orchestra, a che servono realmente e chi sono i più grandi

Una carrellata dei più grandi direttori d'orchestra della storia.

di , pubblicato il
Una carrellata dei più grandi direttori d'orchestra della storia.

Chi sono i più grandi direttori d’orchestra? Molti si sono chiesti anche se davvero questo ruolo abbia un senso, ma proviamo a rispondere a questa seconda domanda, prima di concentrarci sulla lista dei più grandi della storia.

Migliori direttori d’orchestra

Il ruolo del direttore d’orchestra, quello che vediamo durante i concerti di musica classica, è in realtà una presenza solo formale, una figura che affonda le sue radici nella tradizione più che nella sostanza. Ma attenzione a non considerare quindi superfluo tutto il suo lavoro, in realtà tutto quello a cui assistiamo durante un concerto è proprio l’intero lavoro che appunto il direttore d’orchestra a concertato durante le prove con i musicisti.

Possiamo considerarlo come un regista che controlla il suo film, magari dirigendo la sceneggiatura di un altro, ma facendo comunque sua l’intera opera alla fine dell’esecuzione. Il direttore d’orchestra regola infatti i ritmi, i tempi, le dinamiche, gli accenti e gli ingressi di tutti gli strumenti presenti nell’esecuzione musicale, è sicuramente superfluo il suo gesticolare durante la performance, anche perché il musicista in quel caso legge la partitura da lui scritta e non può certo tenere gli occhi puntati sulle sue movenze, ma ad ogni modo, anche se superflua e solo formale, la sua presenza cattura comunque di tanto in tanto l’attenzione del musicista, magari anche solo con un’espressione, un segno della mano, un po’ come l’attore teatrale cerca di nascosto lo sguardo del regista dietro le quinte.

Inoltre, la sua figura dà anche allo spettatore la possibilità di coinvolgersi ulteriormente con l’esibizione dell’orchestra che, altrimenti, sarebbe come un corpo con tante braccia ma privo di testa.

Ma ora andiamo a vedere quali sono i più grandi direttori di orchestra di tutti i tempi:

Hans von Bülow (1830-1894)
Arthur Nikisch (1855-1922)
Leopoldo Mugnone (1858-1941)
Gustav Mahler (1860-1911)
Arturo Toscanini (1867-1957)
Willem Mengelberg (1871-1951)
Sergej Aleksandrovič Kusevickij (1874-1951)
Bruno Walter (1876-1962)
Thomas Beecham (1879-1961)
Leopold Stokowski (1882-1977)
Otto Klemperer (1885-1973)
Wilhelm Furtwängler (1886-1954)
Hans Knappertsbusch (1888-1965)
Fritz Reiner (1888-1963)
Erich Kleiber (1890-1956)
Victor de Sabata (1892-1967)
Karl Böhm (1894-1981)
Howard Hanson (1896-1981)
Dimitri Mitropoulos (1896-1960)
George Szell (1897-1970)
John Barbirolli (1899-1970)
Eugene Ormandy (1899-1985)
Alfredo Antonini (1901-1983)
Eugen Jochum (1902-1987)
Evgenij Mravinskij (1903-1988)
Herbert von Karajan (1908-1989)
Rudolf Kempe (1910-1976)
Franco Ferrara (1911-1985)
Sergiu Celibidache (1912-1996)
Erich Leinsdorf (1912-1993)
Georg Solti (1912-1997)
Carlo Maria Giulini (1914-2005)
Rafael Kubelík (1914-1996)
Leonard Bernstein (1918-1990)
Guido Cantelli (1920-1956)
Wolfgang Sawallisch (1923-2013)
Georges Prêtre (1924-2017)
Pierre Boulez (1925-2016)
Klaus Tennstedt (1926-1998)
Colin Davis (1927-2013)
Carlos Kleiber (1930-2004)
Lorin Maazel (1930-2014)
Thomas Schippers (1930-1977)
Claudio Abbado (1933-2014)
Seiji Ozawa (1935)
Charles Dutoit (1936)
Zubin Mehta (1936)
Yuri Temirkanov (1938)
Riccardo Muti (1941)
Daniel Barenboim (1942)
James Levine (1943)
Riccardo Chailly (1953)
Christian Thielemann (1959)
Daniele Gatti (1961)
Ezio Bosso (1971- 2020)
Gustavo Dudamel (1981)

Argomenti: ,