Ferrari: Michael Leiters svela i piani del cavallino rampante

Michael Leiters, Chief Technology Officer della Ferrari ha rilasciato interessanti dichiarazioni sul futuro del cavallino rampante

di , pubblicato il
Ferrari Museo

Michael Leiters, Chief Technology Officer della Ferrari ha rilasciato interessanti dichiarazioni sul futuro del cavallino rampante ai microfoni del sito Autocar. A quanto pare la casa di Maranello si sta preparando a lanciare il primo dei 15 nuovi modelli promessi a settembre 2018 e che dovrebbero arrivare prima del 2023.

“Siamo convinti di aver fatto il passo successivo con la tecnologia ibrida. Avevamo l’alternativa di un’auto con motore a combustione interna, ma l’unico elemento che ci ha davvero convinto per portare un’auto ibrida sul mercato è stata la trazione integrale. Guadagni molto con la trazione integrale. Non solo nel tempo 0-100 km / h, ma in generale nello stile di guida. Fare questo su un’auto sportiva ci ha convinto a farlo”, ha dichiarato Leiters.

Michael Leiters, Chief Technology Officer della Ferrari ha rilasciato interessanti dichiarazioni sul futuro del cavallino rampante

Per quanto riguarda la possibilità di una Ferrari completamente elettrica, Leiters ha dichiarato:  “In questo momento, la tecnologia non è abbastanza matura. Guarda le esigenze dei clienti: la cosa più importante è il suono. Oggi c’è anche un problema sulla distanza, che per un’auto sportiva è davvero un problema. ”

“L’autonomia di un’auto elettrica è particolarmente importante  se acceleri o vai ad alta velocità. In un’auto sportiva c’è bisogno di alte velocità e non puoi limitarla a 200 chilometri all’ora. Se desideri rimuovere quel vincolo tecnico, aggiungi così tanto peso che non è più un’auto sportiva. Forse tra qualche anno, potrebbe essere una possibilità. Per adesso però non siamo ancora pronti”.

Per quanto riguarda la possibilità di costruire più auto speciali come la Monza, Leiters ha detto: “Vogliamo segmentare la nostra offerta in quattro pilastri: GT, auto sportive, Icona e serie speciali. Icona [dove si trova la Monza] sarà una linea di macchine.

“Monza non sarà l’unica. È un grande successo per noi. Ci sono meno vincoli tecnici con queste macchine. Guidare la Ferrari Monza è come guidare una motocicletta.”

Leggi anche: Formula 1 GP Belgio, la Ferrari getta le basi per la prossima stagione

Ferrari Monza Sp1 e Sp2

Ferrari Monza Sp1 e Sp2

Argomenti: