Alfa Romeo Giulia e Stelvio: il loro pianale anche per Maserati, Jeep e Dodge

La piattaforma modulare 'Giorgio' utilizzata su Alfa Romeo Giulia e Stelvio in futuro troverà spazio anche nei nuovi modelli di Maserati, Jeep e Dodge

di Andrea Senatore, pubblicato il
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Alfa Romeo Giulia e Stelvio sono le prime due vetture del nuovo corso della casa automobilistica del Biscione ad essere arrivate sul mercato. Queste due automobili sono entrambe basate sulla piattaforma modulare ‘Giorgio‘. Si tratta di una nuova base che vanta le migliori tecnologie, per la quale il gruppo italo americano di Sergio Marchionne ha fatto un grossissimo investimento.

Si parla di una cifra superiore al miliardo di euro per questa piattaforma. Proprio per questo motivo, negli ultimi tempi i dirigenti di Fiat Chrysler Automobiles hanno ribadito che questo pianale sarà utilizzato per numerosi veicoli di FCA.

La piattaforma modulare ‘Giorgio’ infatti dopo Alfa Romeo Giulia e Stelvio troverà spazio praticamente in tutte le nuove vetture del Biscione che arriveranno da adesso al 2020. Inoltre è stato anche confermato che numerosi nuovi modelli di Maserati, Jeep e Dodge poggeranno su questa base. Questa altri non è che una piattaforma che nasce per la trazione posteriore ma può anche essere utilizzata per realizzare modelli a trazione integrale.

Nelle scorse ore Sergio Marchionne, nel corso di un’intervista rilasciata ad Automotive News, ha confermato che intende utilizzare questa tecnologia in molte auto di FCA anche per una riduzione dei costi complessivi che non può che fare bene al suo gruppo in vista della forte riduzione dell’indebitamento che grava sulla società e che resta obiettivo primario di Marchionne. 

Leggi anche: Fiat Chrysler: in Francia l’Autorità Antrifrode indaga su presunte irregolarità

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: la piattaforma modulare ‘Giorgio’ sarà utilizzata anche su auto Maserati, Jeep e Dodge

Leggi anche: Jeep Wrangler Rubicon Recon Edition: versione più estrema dell’iconico Suv

Per quanto riguarda Jeep questa piattaforma modulare che ha fatto il suo esordio con Alfa Romeo Giulia, sarà utilizzata sulle future Jeep Grand Wagoneer e Wagoneer e anche sulla nuova generazione di Grand Cherokee.

Per quanto riguarda Maserati, a quanto pare, questa base troverà spazio in tutti i nuovi veicoli che saranno prodotti nei prossimi anni. Ci riferiamo in particolare alle future generazioni di Quattroporte, Ghibli e GranTurismo, alla nuova Maserati Alfieri e anche ad un Suv di taglia Media che arriverà in futuro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, FIAT Chrysler

Leave a Reply