Stage, la truffa all’italiana: mal retribuiti e non formativi

Stage, mesi di formazione sotto pagati anche per mestieri manuali e non qualificati: ecco gli annunci di lavoro più assurdi segnalati

di , pubblicato il
Stage, mesi di formazione sotto pagati anche per mestieri manuali e non qualificati: ecco gli annunci di lavoro più assurdi segnalati

Si scrive “stage”, si legge “personale giovane da pagare poco”, almeno in italiano. Già perché, dando un’occhiata agli annunci di lavoro per stagisti, nei più diversi settori, l’impressione (purtroppo spesso confermata dai numeri) è che non si punti tanto alla formazione quanto a contenere i costi. Qualche giorno fa ha fatto il giro del web, suscitando indignazione e non poche polemiche, un annuncio per un’offerta di lavoro per ingegneri civili in Piemonte: si cercavano laureati con il massimo dei voti (con conoscenza di almeno tre lingue europee e disponibilità a trasferte) per uno stipendio di circa 600 euro. Da un lato quindi ci sono i tentativi di giustificare con l’offerta di stage, assunzioni di personale qualificato sottopagato. Ma c’è anche l’altro lato della medaglia, ovvero la selezione di personale non qualificato e manuale che quindi non avrebbe bisogno teoricamente di un tempo lungo per “specializzarsi”. Ma proprio dal portale degli annunci di lavoro del programma Garanzia Giovani (che negli intenti nasce per aiutare i giovani disoccupati e i Neet tra i 15 e i 29 anni a trovare un’occupazione) arrivano annunci improbabili: si va dal tirocinio per operatori ecologici e addetti alle pulizie allo stage per lavorare in un autolavaggio passando per formazione per baby-sitter, bagnini, camerieri, baristi etc. Complice anche l’abolizione dei voucher, sono molti gli annunci di stage che, di fatto, sono una selezione di personale per lavori stagionali estivi.

Stage lavoro, quando serve la formazione e quando è una scusa per pagare meno

L’intento dell’analisi non è certo quello di denigrare professioni dignitose. Ogni mestiere peraltro richiede sicuramente una certa esperienza da acquisire con il tempo.

Ma è lecito chiedersi: serve davvero uno stage o un tirocinio per formarsi?

Se gli annunci di lavoro rientrano nel Programma Garanzia Giovani inoltre c’è anche un’altra questione da considerare: l’attivazione di tirocini formativi attraverso questo canale prevede l’erogazione di contributo alle aziende, che così sono incentivate a prendere giovani disoccupati e neet, e si limita ad un mini-compenso per il tirocinante.

Leggi anche:

Stage IT: quanto pagano le aziende più famose?

 

Argomenti: ,