Sosta in macchina in estate: stare freschi può costare una multa salata anzi il rischio è doppio

Auto in sosta in estate: attenzione ad aria condizionata a finestrino abbassato perché si rischiano multe anche salate.

di , pubblicato il
Auto in sosta in estate: attenzione ad aria condizionata a finestrino abbassato perché si rischiano multe anche salate.

Multa per sosta con l’aria condizionata accesa: la sanzione può arrivare fino a 435 euro. Si, perché se è vero che quando la temperatura esterna sale l’aria condizionata è più che un sollievo, è anche vero che lasciare la vettura ferma con l’aria condizionata accesa significa aumentare l’inquinamento delle nostre città.

Quindi, vediamo cosa dice la normativa in vigore in Italia ed in Europa.

Aria condizionata in auto: consigli per viaggiare freschi e consumare meno

Il Codice della Strada punisce con una sanzione che va dai 218 ai 435 euro la sosta con motore acceso. Il motivo è legato all’esigenza di ridurre le emissioni di scarico dei veicoli. Di conseguenza non si può neppure tenere accesa l’aria condizionata se il veicolo è fermo. Ci sono anche città in cui sono previste sanzioni specifiche per l’aria condizionata. La più cara è a Madrid, dove si arriva a dover pagare 100 euro (bene da tenere a mente se si viaggia in auto all’estero). Diverso, ovviamente, se l’auto è in movimento: le multe si applicano solo alle macchine in sosta.

Aria condizionata in auto e multe: non si rischia sempre

Auto in sosta con il finestrino abbassato: si rischia la multa?

Diversa, invece, la motivazione che multa gli automobilisti che lasciano la macchina in sosta con il finestrino dell’auto tirato giù, anche solo in parte. In questo caso infatti la ragione non è legata all’inquinamento. Il riferimento legislativo è all’articolo 158 comma n. 8 che prevede espressamente: “durante la sosta e la fermata il conducente deve adottare le opportune cautele atte a evitare incidenti ed impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso”. A quanto ammonta la sanzione per questo tipo di violazione? “Chiunque viola le altre disposizioni del presente articolo (come quella sopra citata) è soggetto alla sanzione amministrativa e al pagamento di una somma da euro 24 a euro 97 per i ciclomotori e i motoveicoli a due ruote e da euro 41 a euro 168 per i restanti veicoli”.
Se ci si imbatte in un vigile particolarmente rigido, quindi, si rischia di essere multati per “istigazione al furto” se si lascia parcheggiata incustodita l’auto con il finestrino abbassato.
Non è una bufala, come sa bene il turista malcapitato ad Alghero, in Sardegna. Se l’è cavata con 29 euro (invece di 41) usufruendo dello sconto per chi paga le multe entro i 5 giorni dalla notifica ma per eventuale ricorso non c’è stato nulla da fare. La multa, infatti, per quanto possa apparire bizzarra, è del tutto legittima e trova riscontro nel CdS. Dal Comando si sono giustificati anche specificando che, visto che la macchina era parcheggiata in discesa, qualche male intenzionato avrebbe potuto aprire la portiera e tirare il freno a mano trasformando la vettura in un pericolo per l’incolumità pubblica.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.